Firenze: il Mugnone non raccoglie troppi inquinanti, una ricerca degli studenti

Firenze-  Il torrente Mugnone nasce puro e lungo il percorso verso la città non raccoglie troppi inquinanti, che rimangono sotto i valori di riferimento. Lo rileva un’indagine fatta da alcuni studenti dei licei scientifici Castelnuovo e Gramsci, diretti da docenti dell’Università di Firenze, nell’ambito dei progetti di alternanza scuola-lavoro e lauree scientifiche, presentata al Palagio di Parte Guelfa alla presenza dell’assessore all’ambiente Alessia Bettini.

«Una buona notizia – sottolinea l’assessore Bettini – che tuttavia non ci deve far abbassare la guardia dato che lo studio documenta l’esistenza di un impatto urbano misurabile sulla qualità delle acque del torrente. Il Comune è da sempre impegnato nella mitigazione e nella bonifica delle acque superficiali. Ricordo che nel 2014 abbiamo completato il collettore in riva sinistra dell’Arno e che a breve
partiranno i lavori per l’ultima tranche del collegamento del collettore in riva destra, all’altezza delle Cascine e del Fosso Macinante, in modo da ridurre sensibilmente gli allagamenti nella zona di Belfiore».

Nel corso dell’incontro, promosso dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Firenze e dal Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze, sono stati illustrati alcuni parametri ambientali (in particolare, contenuti di alcuni metalli pesanti) misurati nelle acque del torrente Mugnone a monte della città di Firenze e all’interno del nucleo urbano (Ponte Rosso).

Gli studenti, come spiega il professor Pierfranco Lattanzi, hanno ricevuto un inquadramento teorico sul contesto del progetto e sulle tecniche analitiche da applicare e sono stati materialmente coinvolti nelle attività pratiche, conducendo in prima persona i campionamenti in loco, e fornendo supporto alle attività di laboratorio.

I campionamenti sono stati eseguiti in località Mimmole (Caldine, comune di Fiesole), in un contesto moderatamente antropizzato e quindi presumibilmente quasi naturale, e poco a valle del Ponte Rosso nella città di Firenze, quindi in pieno contesto urbano.

I caratteri chimici fondamentali delle acque sono molto simili in entrambe le stazioni, e del tutto normali per acque superficiali;
nella stazione del Ponte Rosso si nota un aumento, tra gli ioni maggiori, di ammonio, nitrato e fosfato, presumibilmente dovuto ad
attività antropiche, e di tutti i metalli, anche in questo caso attribuibile a impatto urbano. Ma se il carico di metalli risulta, al
Ponte Rosso, di un ordine di grandezza superiore a quello stimato alle Caldine, le concentrazioni dei metalli rimangono comunque ben al di sotto dei limiti di riferimento.

inquinamento, mugnone, studenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080