Si riunisce il Consiglio d'amministrazione

Tav, Francia: Telt darà il via a bandi di gara per 2,3 miliardi per la parte francese

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

PARIGI – L’appuntamento è per oggi 11 marzo, in video-conferenza. Dopo la sospensione dello scorso 19 febbraio, torna a riunirsi il consiglio d’amministrazione di Telt, la società italo-francese responsabile della realizzazione e della gestione della futura Torino-Lione. All’ordine del giorno la conclusione della discussione sui bandi di gara da 2,3 miliardi per lo scavo del tunnel di base. Che, «in assenza di atti giuridicamente rilevanti che comportino istruzioni di segno contrario, darà via libera alla pubblicazione degli avis demarchés, gli inviti a presentare candidatura per gli interventi dei lotti francesi della galleria».
Il finale è già scritto nella lettera con cui la società – costituita a Parigi il 23 febbraio 2015 con una partecipazione delle quote al 50% tra Ferrovie dello Stato italiane e Stato francese – ha annunciato al premier Conte l’intenzione di avviare la prima fase di candidatura. Una scelta obbligata per non perdere 300 degli 813 milioni di euro della prima tranche di contributi comunitari. E per non incorrere in eventuali responsabilità, civili e amministrative.
Il presidente di Telt, Hubert du Mesnil, sarà a Parigi con gli altri componenti francesi del cda, ovvero Vincent Lidsky, Marie-Line Meaux, Laurent Pichard e Bruno Dicianni. A Parigi ci sarà anche l”italiano Mario Virano, che di Telt è il direttore generale, mentre in collegamento da Roma ci saranno gli italiani Oliviero Baccelli, Roberto Mannozzi, Stefano Scalera e Paolo Emilio Signorini. Partecipano al consiglio d’amministrazione, ma non hanno diritto di voto, i tre osservatori, rappresentanti rispettivamente della Regione Piemonte, della
Auvergne-Rhone-Alpes e della Commissione Europea.
Punto di partenza della discussione sarà la lettera  in cui il premier Conte chiede a Telt – 163 dipendenti a gennaio 2019 che fino ad ora hanno gestito progetti per 60 miliardi di euro, 430 chilometri di scavi in galleria e 1.200 chilometri di linee ferroviarie realizzate – di soprassedere dalla comunicazione dei capitolati di gara, di evitare di assumere impegni di spesa gravanti sull’erario italiano e di non
pregiudicare gli stanziamenti europei. Verrà poi data lettura della risposta della società e la nota in cui il ministro francese dei Trasporti, Elisabeth Borne, chiede all”Italia di dare il via all”opera.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.