Skip to main content

Firenze: spacciava in piazza Indipendenza, arrestati pusher algerino e cliente, già ricercato

Un’auto della polizia

FIRENZE – Numerose operazioni sono state realizzate dalla Polizia negli ultimi giorni in città.

Spacciava alla fermata dell’autobus di piazza Indipendenza, ma questa volta, oltre al pusher, è finito in manette anche il suo acquirente, ricercato perché doveva scontare una vecchia condanna proprio per spaccio. Il pusher, un algerino di 49 anni, è stato sorpreso dagli agenti della Squadra Mobile mentre stava spacciando hashish, nei pressi di una fermata dell’autobus di piazza Indipendenza, a due suoi clienti. Uno di questi è stato segnalato quale assuntore di droga, mentre l’altro è invece finito in manette. Si tratta di un cittadino marocchino di 46 anni, ricercato per scontare una vecchia condanna definitiva relativa proprio al reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Nonostante fosse privo di documenti, quando lo hanno fermato gli agenti sono subito risaliti alla sua identità e conseguentemente al provvedimento pendente a suo carico.

Prima ha voluto da bere in un locale di Sesto Fiorentino, poi avrebbe preteso un coltello e quanto contenuto all’interno del registratore di cassa; non contento avrebbe successivamente lanciato una bottiglia verso alcuni clienti, colpito una persona con un bicchiere e schiaffeggiato infine un’altra. L’episodio ha portato nei giorni scorsi all’arresto di un fiorentino di 42 anni, finito in manette con l’accusa di tentata estorsione oltre a resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale. A mettere un punto alla vicenda sono stati gli agenti del Commissariato di Sesto Fiorentino che  hanno fermato il 42enne che, aveva appena finito di “terrorizzare” i clienti di un locale. Due agenti delle volanti hanno riportato entrambi contusioni con qualche giorno di prognosi. Secondo quanto ricostruito dagli agenti, l’arrestato non sarebbe stato nuovo a simili episodi di violenza segnalati negli ultimi due mesi anche in altri locali notturni della zona. Dopo la convalida dell’arresto l’uomo è finito a Sollicciano

Infine, gli agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Rifredi hanno arrestato una fiorentina di 50 anni sorpresa con il bottino di un borseggio messo a segno poco prima in un supermercato di via di Novoli. I poliziotti la stavano tenendo d’occhio già da qualche tempo sospettata di aver borseggiato alcune donne anziane tra il 29 marzo e lo scorso 18 aprile. I borseggi, secondo quanto emerso dalle immagini della videosorveglianza interna degli esercizi, sarebbero avvenuti portando via i portafogli delle vittime dalle borse riposte nei carrelli della spesa. Nei giorni scorsi, dopo aver recuperato uno zainetto rubato poco prima ad una donna all’interno del centro commerciale di via di Novoli, gli agenti hanno scoperto che la protagonista della vicenda aveva già colpito almeno un’altra volta nella stessa mattinata. Una 75enne era stata infatti derubata del portafoglio riposto nel carrello.

città, controlli, Polizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741