Skip to main content

Viminale: Operazione Periferie Sicure, contrasto all’illegalità diffusa in 18 città italiane

ROMA – Continua, anche per l’anno 2019, l’Operazione Periferie Sicure avviata dal Dipartimento dellaPubblica Sicurezza per rafforzare il contrasto all’illegalità diffusa, in particolare nelle aree periferiche delle città caratterizzate da fenomeni di irregolarità e degrado. Le attività, coordinate dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale, tramite il Servizio Analisi Criminale, hanno riguardato sia servizi di controllo del territorio, sia interventi di natura amministrativa, mirati a garantire maggiori livelli di sicurezza.

L’iniziativa, giunta alla 2ø edizione e finalizzata alla predisposizione di misure mirate a garantire maggiori livelli di sicurezza nelle zone ritenute più a rischio, ad oggi ha visto coinvolte 18 metropoli e nei prossimi mesi interesserà altre città italiane. Dal 18 febbraio al 13 aprile scorsi, l’Operazione Periferie Sicure è stata effettuata nei territori di Agrigento, Aosta, Arezzo, Bari, Bologna, Gorizia, Lecce, Lecco, Lucca, Nuoro,Pescara, Siracusa, Trento, Venezia, Vercelli, Verona, Vibo Valentia e Viterbo e ha visto impegnate oltre 7.700 unità dellaPolizia, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dellePolizie locali.

Nel corso dei controlli, articolati in 6 giorni di ogni mese in distinti gruppi di contesti territoriali, sono state identificate 26.654 persone, arrestate 70, denunciate 271 in stato di libertà, applicate 106 misure di prevenzione, adottati 49 provvedimenti in materia di immigrazione, controllate 36.981 autovetture e sequestrati ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti. Inoltre, sono stati controllati 1.592 esercizi commerciali e comminate sanzioni amministrative con il sequestro di numerosa merce contraffatta.

periferie, sicure, Viminale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741