«Giro nel Giro» di Autostrade per l’Italia: l’arrivo al Piazzale Michelangelo. Premiati i poliziotti eroi (video)

Un gruppo di ciclisti partecipanti al Giro nel Giro di Autostrade per l’Italia

VINCI (FIRENZE) – Partita puntuale alle 9 di oggi, 13 maggio, da Vinci (Firenze), la prima corsa del «Giro nel Giro», iniziativa promossa da Autostrade per l’Italia nell’ambito del Giro d’Italia 2019: si tratta del primo di cinque tour amatoriali in bicicletta per appassionati e famiglie, tra le meraviglie della Provincia italiana. La carovana di ciclisti, partita dal tracciato ufficiale della corsa rosa, a Vinci, ha raggiunto il Piazzale Michelangelo in anticipo sulla tabella di marcia, acclamata da turisti e fiorentini che hanno sfidato la giornata ventosa, compensati dall’iniziativa e dal panorama mozzafiato di uno dei siti Unesco che fa parte del progetto di Aspi «Sei in un Paese Meraviglioso», ideato da Francesco Delzio.

Gli agenti della polizia stradale Emiliano Felloni e Angelo Orlandini, premiati per aver salvato una donna a Viareggio

Non basta: nel villaggio di partenza del Giro d’Italia, l’impegno costante della Polizia stradale è stato premiato da Autostrade per l’Italia con un riconoscimento agli agenti Emiliano Felloni e Angelo Orlandini, in servizio a Viareggio per aver salvato, lo scorso inverno, una donna che stava tentando il suicidio. Un riconoscimento è stato consegnato invece dalla Polizia stradale a Fabio Natali, dipendente del Tronco di Firenze di Autostrade per l’Italia che, in un pomeriggio di agosto, ha domato l’incendio causato da un mezzo in galleria, riuscendo a evitare conseguenze peggiori e a mettere in sicurezza gli automobilisti.

Angelo Orlandini, Autostrade per l'Italia, Emiliano Felloni, Giro nel Giro, piazzale michelangelo, poliziotti eroi, Vinci


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080