Chernobil: 33 anni dopo il disastro nucleare nasce la centrale green

KIEV – Il 26 aprile 1986, il reattore numero quattro della centrale di Chernobyl, circa 100 chilometri a nord della capitale Kiev, esplose durante un fallito test di sicurezza. Il reattore bruciò per 10 giorni rilasciando nell’atmosfera elementi radioattivi che contaminarono tre quarti d’Europa. Le autorità – all’epoca l’Ucraina era una delle repubbliche sovietiche federate sotto il controllo di Mosca – cercarono di coprire l’incidente. La Svezia fu la prima a lanciare l’allarme dopo che gli scienziati avevano rilevato, il 28 aprile, un picco dei livelli di radiazione. L’allora segretario generale del Partito Comunista dell’unione Sovietica (PCUS) Mikhail Gorbaciov non rilasciò dichiarazioni pubbliche fino al 14 maggio. Quasi 350.000 persone che vivevano in un raggio di 30 chilometri dall’impianto furono evacuate. Circa 600.000 cittadini sovietici che divennero noti come “liquidatori” – per lo più lavoratori di emergenza e impiegati statali – furono inviati con poca o nessuna attrezzatura protettiva per aiutare a ripulire e costruire un sarcofago in cemento sopra il reattore danneggiato. Il numero di morti direttamente causati dall’incidente è ancora oggetto di dibattito, con stime che variano da 30 a 10.000. Nel novembre 2016 è stata eretta una seconda massiccia cupola metallica sui resti del reattore, costata 2,1 miliardi di euro pagati con finanziamenti internazionali per fermare future perdite e garantire la sicurezza per generazioni. Dopo l’installazione, secondo le stime ufficiali, i livelli di radiazioni vicino al reattore sono diminuiti del 90 per cento in un anno.

Intanto a ottobre, sul luogo del più grave disastro nucleare della storia sono iniziati i test della nuova centrale elettrica green, che produrrà energia solare. La prima serie di pannelli è stata installata a soli 100 metri dal sarcofago costruito attorno al reattore numero 4. La centrale fotovoltaica, chiamata Solar Chernobyl, è in grado di produrre 1 megawatt di energia.

Pripyat, città fantasma
La corona di fiori ai piedi di un crocifisso accanto a un cartello che segnala pericolo di radiazioni, un mucchio di maschere antigas risalenti ancora alla seconda guerra mondiale abbandonato sul pavimento di una classe scolastica dopo il disastro, una ruota panoramica allora nuova di zecca ma mai inaugurata. Il tempo a Pripyat, cittadina sovietica al confine tra Ucraina e Bielorussia, si è fermato a quel 26 aprile di 33 anni fa quando il reattore 4 della centrale di Chernobyl che si trova a tre chilometri di distanza e che si può ammirare in lontananza salendo ai piani alti dei condomini in classico stile sovietico assediati dalla vegetazione, andò in avaria a causa di un improvviso sovraccarico di energia.

 

centrale, chernobil, disastro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080