Una finale memorabile

Calcio Storico, Rossi ancora campioni: Bianchi battuti (8-2), ma usciti con onore. Tutti pazzi per Commisso

di Sandro Bennucci - - Cronaca, Cultura, Eventi, il Blog di Sandro Bennucci, Primo piano, Sport

FIRENZE – Vincono i Rossi di Santa Maria Novella, per il secondo anno consecutivo (si apre un ciclo?), trascinati da due calcianti destinati a entrare fra i miti di Santa Croce: Gianassi, straordinario ideatore di gioco, e Manuel Lopez, autore di tre cacce. Nelle movenze, e nelle intuizioni sotto rete, Lopez mi ricorda un gran realizzatore azzurro: Salvatore Serra. I Bianchi, messi sotto dal 7′ in poi, hanno avuto il merito di non arrendersi mai e di andare a cercare gloria, e cacce, anche quando erano irrimediabilmente in svantaggio di sei cacce. Il tutto davanti a un Rocco Commisso stralunato dall’accoglienza e sbalordito da uno spettacolo che non aveva mai visto. Ha avuto l’onore di essere il Magnifico messere concentrando le attenzioni e i cori. Sono contento: durante la prima conferenza stampa, al Franchi, proprio io gli consigliai di venire a vedere il Calcio storico. Suggerendo al sindaco, Dario Nardella, di offrirgli il ruolo del Magnifico. Bene: ora, caro Commisso, tutta Firenze, e non solo, si aspetta la ricostruzione della Fiorentina. Con nomi efficaci (Bennacer va bene, Balotelli lasciamo perdere) da inserire accanto a Chiesa.

Il sindaco Nardella e Rocco Commisso

MANUEL LOPEZ – Chiusa parentesi. Parliamo di Calcio storico. Bianchi consapevoli della capacità penetrante dei Rossi. Quindi Fabrizio Valleri, detto il Vallero, subito alla ricerca di allungare la squadra per mandare i datori innanzi sotto caccia. La mossa non  ha funzionato per la compattezza dei Rossi, calcianti costruiti per il gioco e non per la rissa fine a se stessa. Bravo Gianassi (gran fisico supportato da indiscutibile intelligenza tattica) a orchestrare la ripartenza. Fulmineo Manuel Lopez (appunto al 7′) a infilare indisturbato il pallone in caccia. Mi ha ricordato lo sgusciante Serra, ma non ho la presunzione di indovinare tutto. Se qualcuno ha altri modelli me li suggerisca. Non mi offendo, anzi.

Le nuove maglie da trasferta della Fiorentina, presentate oggi, 24 giugno, e ispirate ai 4 colori del Calcio Storico

GIANASSI – Passano quattro minuti e, questa volta, è Renzoni a scattare oltre l’ultimo baluardo bianco. Raddoppio. Sempre Gianassi nel cuore della manovra. Mentre il comunque bravo Fabrizio Valleri, detto il Vallero, cerca d’imbastire una controffensiva. Ed è ammirevole, il Vallero, quando, dopo la terza caccia rossa firmata da Amanuel, va da solo ad affrontare i rocciosi datori indietro rossi, consapevole di finire su una girandola di cazzotti. Stoico, il Vallero, che si trova da solo, senza compagni intorno, nel cuore della granitica formazione di Santa Maria Novella. E’ il 17′ e la partita, davanti a un ammirato Commisso, ha un risultato incanalato. E reso ancora più eclatante dalle successive cacce di Fattori (22′), ancora Manuel Lopez (28′) e Renzoni (32′).

D’ELIGIO – Ma i Bianchi, e qui significa che hanno onorato il loro torneo e il Calcio storico, trovano al 65′ la caccia con un tiro di rara precisione di D’Eligio. Difficile infilare i cinquanta centimetri della caccia calciando da 20-22 metri. Applausi. Rialzano la cresta i Bianchi? Gianassi e Manuel Lopez ristabiliscono le distanze: il primo imposta e il secondo realizza la sua terza caccia di giornata. Tutto finito? No. Nel Calcio storico è come in battaglia, al di là del risultato finale conta il gesto. E la seconda caccia bianca entusiasma. Chi l’ha realizzata? Noi, dalla torretta di Rtv38, non abbiamo visto bene suubito: Natali? Lorenzo Ardito? Poi arriva l’indicazione di chi è convinto di aver visto bene: caccia di Fabio Selvaggio. Ma non è ancora tutto: i Rossi sfiorano l’ottava caccia (pallone che rimbalza sulla balaustra) eppoi la colgono con il protagonista della partita: Gianassi. Otto cacce a due. Inno della vittoria. Palio e vitella ai Rossi. Onore ai Bianchi, fiorentinamente presi in giro dai tifosi Rossi con due striscioni accettabili: «Alzate bandiera bianca». Eppoi: «Andate a mettervi… sotto spirito». Infine Commisso: «Voglio che i giocatori viola arrivino a lottare così, fino all’ultimo istante». Bravo, ce n’è bisogno.

Tag:, , , , , , ,

Sandro Bennucci

Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.