L'azione nelle zone nevralgiche della città

Firenze, sicurezza: i controlli di Questura e Polfer, sequestri e arresti

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia

Agenti della Polfer

FIRENZE – Nella serata di ieri la Polizia di Stato ha arrestato due spacciatori a Firenze durante due mirati servizi di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti. Il primo arresto risale alle 19.30 ed è avvenuto tra via Caccini e via delle Panche, dove gli Agenti del Commissariato di Rifredi hanno sorpreso all’opera un pusher marocchino di 26 anni che stava cedendo una dose di cocaina all’acquirente in cambio di 20,00 euro.

Qualche ora dopo, in via Fiume, il Reparto Prevenzione Crimine Toscana ha letteralmente circondato e catturato un altro spacciatore, questa volta di marijuana. Intorno alle 22.45 gli Agenti, passando per via Nazionale, hanno assistito in diretta ad uno spaccio in mezzo alla strada. Due pattuglie della Polizia si sono coordinate nell’immediatezza e, mentre un’auto è entrata in via Fiume, l’altra è andata a chiudere la parte della strada che si affaccia su piazza Adua. Appena lo spacciatore ha visto la prima “pantera” arrivare da via Nazionale, ha cominciato a correre, ma percorsi pochi metri è finito tra le braccia dei poliziotti della seconda pattuglia che nel frattempo gli aveva tagliato ogni via di fuga. In manette con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti è finito un cittadino del Gambia di 21 anni; oltre alla droga appena spacciata, aveva addosso altri 13 grammi di marijuana.

Si è presentato in stazione, presso gli uffici del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Toscana –  Reparto Operativo Firenze Santa Maria Novella, per ritirare il proprio telefono cellulare, smarrito e  ritrovato dai poliziotti della Polfer. Il cittadino comunitario di 28 anni è stato però arrestato dagli Agenti. A carico del predetto risultava infatti inserito nella banca dati interforze un mandato di arresto europeo per estradizione, per reati contro il patrimonio commessi in territorio dell’Unione. Terminati gli adempimenti di rito, l’individuo è stato subito accompagnato presso la casa circondariale di Sollicciano, in attesa del completamento della procedura di estradizione.

È il secondo rintraccio, questo, che si aggiunge all’arresto effettuato nei giorni scorsi, sempre dagli Agenti della Polfer; in quel caso, invece, nell’ambito dell’ordinaria attività di prevenzione e repressione dei reati, i poliziotti hanno identificato un individuo, in transito nella stazione, risultato destinatario, da un successivo approfondimento investigativo, di un ordine di carcerazione per rapina.  Anche per costui si sono aperte le porte di Sollicciano.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: