Lavoratori immigrati: collocati in 5 nazioni europee, l’80% con la qualifica di operaio

MONTEPULCIANO (SI) – La popolazione straniera residente in Europa, al primo gennaio 2018, è collocata prevalentemente in cinque nazioni: Germania (9,679 milioni, pari all’11,7% della popolazione residente), Regno Unito (6,286 milioni, 9,5%), Italia (5,144 milioni, 8,5%), Francia (4,687 milioni, 7,0%) e Spagna (4,563 milioni, 9,8%).

E, “nella quasi totalità dei Paesi Ocse, i lavoratori immigrati si concentrano su professioni poco qualificate”: nella Penisola, infatti, “poco meno dell’80% è impiegato come operaio”, percentuale che, “nel caso degli occupati nativi, scende a poco più del 30%”. Lo si legge nel IX rapporto annuale sull’impiego degli stranieri, curato dalla Direzione generale dell’Immigrazione ed Integrazione del ministero del Lavoro, che verrà presentato questo pomeriggio a Montepulciano (Siena), nell’ambito della manifestazione ‘Luci sul lavoro’.

immigrati, Lavoro, operai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080