Messa nel capannone

Ponte di Genova: cerimonia un anno dopo il crollo. Applausi a Mattarella. Via i vertici di Aspi

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Primo piano

Mattarella abbraccia una donna che perse un familiare nel crollo del Ponte Morandi, il 14 agosto 2018

GENOVA – Cerimonia di commemorazione in ricordo delle 43 vittime del crollo di ponte Morandi nel capannone sotto la nuova pila 9 del viadotto con la messa dall’arcivescovo della città il cardinale Angelo Bagnasco. Il via attraverso la lettura dei nomi delle 43 vittime. Il governo, che ancora è in piedi, risulta schierato: ci sono Conte, Salvini, Di Maio e il codazzo. Non a caso, molti parenti delle vittime hanno preferito non esserci per evitare di dare corpo alla passerella politica. Altri parenti, invece, hanno chiesto a Conte l’allontanamento dei vertici di Aspi, Autostrade per l’Italia, che avevano deciso di essere presenti su invito del sindaco di Genova, Bucci. L’ingegner Castellucci e gli altri componenti della delegazione, naturalmente si sono allontanati subito. Fra l’altro, sempre in queste ore, i dirigenti e i vertici di Autostrade avevano deciso direndere omaggio alle vittime anche con una cerionia nella chiesa di San Giovanni Battista, pregevole opera dell’architetto Michelucci vicino al casello di Firenze nord e alla direzione del IV tronco.

Mattarella con Toti e Bucci

Nel capannone i Genova, la cerimonia di commemorazione per le vittime del crollo di ponte Morandi si è interrotta alle 11:36, ora della tragedia. Campane a lutto, il suono delle sirene delle navi in porto e i clacson dei tassisti hanno ricordato la tragedia. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarellaaccolto dagli applausi, ha abbracciato i familiari delle vittime prima dell’inizio della commemorazione delle 43 vittime del crollo del ponte Morandi.

Tag:, , , , , ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.