I viola vogliono espugnare San Siro

Milan-Fiorentina (domenica, 20,45, Sky): dubbio Badelj. Montella: continuare a vincere. Formazioni

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Sport

Pulgar: potrebbe fareil regista al posto di Benassi

MILANO – Comincia con un elogio a San Siro, Vincenzo Montella, affermando che sarà difficile costruire uno stadio più bello, nonostante la capacità dei progettisti che si stanno impegnando nei nuovi disegni. Poi, però, si butta sulla partita della Fiorentina nel momento delicatissimo dei rossoneri (con Giampaolo che rischia, anche se gli hanno rinnovato formalmente la fiducia) e afferma: «Del Milan non mi fido perchè ha giocatori di caratura internazionale, anche esperti e quindi per noi sarà una gara veramente impegnativa. Rimangono una squadra forte e l’anno scorso, se non ricordo male, sono arrivati a un punto dalla Champions».  Quindi occhio Fiorentina, giustamente. Perchè bisogna continuare a vincere, dopo i tre punti conquistati con la Samp. Si tratta, sottolinea l’allenatore «di un test importantissimo, molto difficile e stimolante, contro un avversario in netta crescita, sicuramente a livello di gioco. I punti in palio saranno importantissimi perchè, almeno io, mi sento ancora in credito: penso che questa squadra abbia dimostrato qualcosa in più dei cinque punti che ha. Non mi preoccupano le condizioni fisiche dei miei giocatori perchè si recupera, sarà importante domani l’aspetto mentale e sarà fondamentale migliorare la gestione della partita perche’ anche contro la Sampdoria abbiamo fatto molto bene, potevamo chiudere prima la partita che, invece, è rimasta in bilico, nel risultato, fino alla fine».

MONTELLA – Voglia di rivincita sul Milan? Montella scuote la testa: «Non ho spirito di rivalsa nei confronti del Milan, anche perchè è stata un’esperienza fantastica, abbiamo vinto un trofeo, anche se qualcuno lo dimentica. Abbiamo riportato il Milan in Europa senza, di fatto, fare mercato. Ribadisco: non la reputo, per me, un’esperienza negativa, tutt’altro, sia a livello umano che professionale – ha aggiunto – Tornerò a San Siro da ex, ma in testa ho solo la Fiorentina, ho voglia di fare bene e ho voglia di continuare a dimostrare che stiamo crescendo». Formazione? E’ molto probabile che Montella ripresenta quella delle ultime tre partite, ma resta la possibilità di un inserimento in extremis di Benassi, con Pulgar regista e Badelj in panchina. Davanti sembrano confermatissimi Chiesa e Ribery, ma Vlahovic è sempre pronto.

GIAMPAOLO – La squadra è con lui, la società gli ha rinnovato la fiducia, ma ora Marco Giampaolo deve conquistare i tifosi, preoccupati dall’inizio stagione del suo Milan. «Capisco malumori e critiche, il Milan ha milioni di tifosi, ha storia, una bacheca importante, quindi capisco tutto, ma io ho solo il dovere di continuare a lavorare con impegno e serietà cercando di migliorare. Se sento mia questa squadra? Si’ assolutamente».

Probabili formazioni

Milan (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Hernandez; Kessie, Bennacer, Calhanoglu; Suso, Piatek, Leao

Fiorentina (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Pezzella, Caceres; Lirola, Pulgar, Badelj (Benassi), Castrovilli, Dalbert; Chiesa, Ribery

Arbitro: Giacomelli di Trieste

Tag:, , , , ,

Ernesto Giusti