Cosa fare di giorno e di sera

Week end 14-15 a Firenze e in Toscana: finale Rock contest, spettacoli, eventi, mostre

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura, Primo piano, Spettacolo

Un momento de «La bohéme» in scena al Teatro del Maggio (fotoPaolini-TerraProject-Contrasto)

FIRENZE

Archeologico gratis – Domenica 15 dalle 8.30 alle 14 si può visitare gratis il Museo Archeologico Nazionale di Firenze (Piazza SS. Annunziata 9)

Cenerentola e Bohème – «La bohème» di Giacomo Puccini è il titolo natalizio del Teatro Maggio, che torna in scena da sabato 14 dicembre alle 20 nell’allestimento di repertorio e col maestro Francesco Ivan Ciampa a dirigere l’Orchestra, il Coro e il Coro di voci bianche del Maggio Musicale Fiorentino. A interpretare Mimì il soprano Jessica Nuccio, Francesco Galasso è Rodolfo, Alessandro Luongo è Marcello, Min Kim è Schaunard. Completano il cast artisti formati all’Accademia del Maggio Musicale: Nikoleta Kapetanidou (Musetta), William Hernández (Benoît), Adriano Gramigni (Colline), Francesco Samuele Venuti (Alcindoro). Regia di Bruno Ravella ripresa da João Carvalho Aboim. Biglietti da 10 a 100 euro anche sul sito del Maggio). Domenica 15 alle 20 debutta «Cenerentola», balletto in un atto su musiche di Sergej Prokof’ev, riletto in chiave contemporanea dal Nuovo BallettO di ToscanA; la coreografia porta la firma di Jiří Bubeniček, che firma anche regia, drammaturgia e scene. I costumi sono di Nadina Cojocaru. L’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino è diretta da Giuseppe La Malfa. Biglietti da 15 a 70 euro, anche sul sito del Maggio senza diritti di prevendita. In questa nuova versione del balletto, Bubeniček ha scelto di seguire non la più popolare versione di Perrault, ma la riscrittura del racconto fatta nel 1800 dai Fratelli Grimm, sostituendo così gli elementi classici della favola con elementi più simbolici e metaforici, conservando però la trama e i personaggi.

Strings City – Sabato 14 e domenica 15 c’è Strings City, il festival diffuso dedicato alla musica degli strumenti a corda. Più di 90 concerti su oltre 50 palcoscenici d’eccezione per un festival diffuso che si snoderà tra palazzi storici, musei, biblioteche, teatri, luoghi iconici della città e location dal sapore più contemporaneo tra violini, viole, pianoforti, arpe, chitarre e voci straordinarie (tutti gli eventi sono a ingresso libero; per alcuni, indicati sul programma, l’ingresso è su prenotazione. Le prenotazioni sono valide fino a 5 minuti prima dell’orario di inizio; oltre questo termine i posti non occupati saranno assegnati alle persone che si saranno presentate alla location). Tra gli eventi da non perdere sabato 14 dicembre, l’apertura della kermesse con ORT Attack a cura di Orchestra della Toscana, un excursus da Čajkovskij a Sollima, tra repertorio classico e autori contemporanei a Palazzo Medici Riccardi (ore 10) e il consort di viole da gamba Lamentatio et recreatio al Teatro della Pergola, a cura della Scuola di Musica di Fiesole (ore 10). A seguire, il concerto Occhiali obbligati (possibilmente Ferragamo) con Stefano Zanobini e Andrea Landi al Museo Salvatore Ferragamo (ore 11.30) e all’Accademia delle Arti del Disegno (ore 12.30), mentre nella Sala Inferno della Fondazione Zeffirelli appuntamento con il violino di Luigi Papagni a cura del Maggio Musicale Fiorentino, con un repertorio che spazierà da Bach a Piazzolla, fino ai celebri accompagnamenti del film Amarcord firmati da Nino Rota (ore 11.30 e 12.30). Al Museo Zeffirelli nell’ambito di Il violinista dell’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino si esibirà alle 11.30 e alle 12.30 con un insolito programma che percorre la letteratura per violino dal ‘700 a oggi: J. S. Bach, Adagio-Fuga dalla Sonata n.1 per violino solo BWV 1001; A. Piazzolla, Capriccio n. 3 per violino solo; N. Rota, Amarcord; H. Carmichael, Stardust; Led Zeppelin, Stairway To Heaven; N. Paganini, “Nel cor più non mi sento”. L’ingresso al concerto è gratuito ma la prenotazione è obbligatoria sul sito web www.stringscity.it. I partecipanti ai due appuntamenti di “Strings City” nella Sala Inferno del Museo Zeffirelli potranno usufruire di una tariffa ridotta (€ 7,00) sul biglietto d’ingresso al Museo durante tutta la giornata di sabato 14 dicembre. Gli interessati potranno ottenere la riduzione esibendo la prenotazione presso la biglietteria del Museo. Tutti i concerti sono gratuiti, fino a esaurimento posti, alcuni dei quali prenotabili online. Il programma completo è sul sito www.stringscity.it

Eros Ramazzotti a Firenze con Enel il 24 e 25 marzo al MandelaEros Ramazzotti – Sabato 14 alle 21 Eros Ramazzotti torna ad esibirsi al Nelson Mandela Forum (viale Paoli / piazza Berlinguer; info tel. 055.218647 – 055.667566 – www.lndf.it). Sul palco insieme a Eros Ramazzotti, otto musicisti d’eccezione e due coristi per una produzione internazionale: Luca Scarpa (Direttore musicale, piano), Giovanni Boscariol (Tastiere), Giorgio Secco Christian Lavoro (Chitarra), Paolo Costa (Basso), e le tre new entry internazionali Corey Sanchez (Chitarra), Eric Moore (Batteria) fenomeno dell’r’n’b e della musica gospel e Scott Paddock (Sassofono), americano celebre per le sue influenze jazz che ha collaborato, tra gli altri, anche con artisti del calibro di Natalie Cole, Jackson Browne, Ray Charles. Ad accompagnare la voce di Eros saranno Monica Hill e Giorgia Galassi (Cori). Biglietti da 45 a 75 euro + diritti di prevendita; Box Office Toscana ewww.ticketone.it

Amici della Musica – Al per gli Amici della Musica tre concerti: molto atteso quello di The King’s Singers sabato 14 alle 16. Dal 1968, anno della loro fondazione al King’s College di Cambridge, The King’s Singers hanno collezionato premi prestigiosi e vantano un repertorio vastissimo, con opere pensate per loro da importanti compositori. La formazione attuale vede Patrick Dunachie e Edward Button, controtenori, Julian Gregory, tenore, Christopher Bruerton e Nick Ashby, baritoni e Jonathan Howard, basso. In programma brani noti e meno noti di Praetorius, Palestrina, Berlioz, Ciajkovskij, Poulenc, Chilcott, Howells, Warlock e una selezione di canti tradizionali natalizi. Domenica 15 alle 21 al Saloncino della Pergola torna Lorenza Borrani col suo quintetto d’archi (Maia Cabeza, violino, Simone Jandl e Max Mandel, viole e Luise Mario Brunello e Andrea LucchesiniBuchberger, violoncello) per il terzo appuntamento di «The Mozart Quintets Project»; in programma Quintetto n. 3 in do maggiore KV 515 e il Quintetto n. 6 in mi bemolle maggiore KV 614. Lunedì 16 alle 21 al Teatro della Pergola il violoncellista Mario Brunello e il pianista Andrea Lucchesini festeggiano il trentennale di carriera in comune. In programma la «Sonata in la maggiore» di César Franck, originariamente composta per violino e pianoforte, e la «Sonata in sol minore op. 65» di Chopin, tra i pochissimi brani cameristici del re della tastiera realizzato per l’amico violoncellista Auguste-Joseph Franchomme, e opere di autori del primo Novecento: la fiaba di andamento rapsodico «Pohádka» di Leós Janàček, ispirata un poema epico russo del XIX secolo, e una selezione di canzoni di Reynaldo Hahn, musicista venezuelano formatosi a Parigi all’inizio del secolo scorso e votato al genere della chanson, che ascolteremo nella trascrizione per violoncello e pianoforte. Biglietti in vendita al Teatro della Pergola, presso il circuito regionale Box Office e online su www.ticketone.it

Amadeus alla Pergola – Al Teatro della Pergola (via della Pergola 18) sabato 14 alle 20.45 e domenica 15 alle 15.45 Andrei Konchalovsky dirige Geppy e Lorenzo Gleijeses in Amadeus di Peter Shaffer. Padre e figlio nella vita, i due attori mettono in scena il presunto tentativo (privo di fondamento storico) del compositore Antonio Salieri di distruggere la reputazione e financo la vita dell’invidiato rivale Wolfgang Amadeus Mozart. Il povero Salieri, maestro di cappella alla corte asburgica, compositore e insegnante di corte, peraltro ottimo musicista e gran didatta (fra i suoi allievi figurano Beethoven, Schubert, Liszt, Hummel e perfino l’ultimo dei figli dello stesso Mozart, nato pochi mesi prima della morte del padre), fu addirittura sospettato di aver avvelenato Mozart.  Leggenda vuole che se ne fosse accusato nel delirio degli ultimi giorni di vita, in ospedale. Biglietti da 13 a 37 euro.

Furore al Puccini – Al Teatro Puccini (Via delle Cascine 41; 055.362067) sabato 14 alle 21 Massimo Popolizio, eccellente attore della Compagnia Umberto Orsini, interpreta «Furore», dall’omonimo romanzo di John Steinbeck (1939), adattato da Emanuele Trevi; un progetto di Massimo Popolizio, con musiche eseguite dal vivo da Giovanni Lo Cascio. Raccontando le sventure della famiglia Joad, e i motivi di una delle più devastanti migrazioni di contadini della storia moderna, Massimo Popolizio darà vita a un one man show epico e lirico, realista e visionario, sempre sorprendente per la sua dolorosa, urgente attualità. Biglietti: I settore € 25, II settore € 20 (diritti di prevendita esclusi); in vendita nel circuito regionale Box Office/Ticketone. Acquisto on line su www.teatropuccini.it. Domenica 15 alle 16.45 la Centrale dell’Arte presenta «Canto di Natale» da Charles Dickens, regia e musiche originali Teo Paoli, con Silvia Baccianti, Alessandro Mazzoni, Lavinia Rosso. Età consigliata dai 5 anni, durata 60 minuti, posto unico numerato € 8 + d.p.

Finale del Rock Contest – All’Auditorium F.L.O.G. (via Mercati 24b) sabato 14 dicembre dalle 21 finalissima del Rock Contest 2019, con sei band in gara, scelte tra le oltre 600 iscritte da tutta Italia. Una giuria di stelle dell’indie italiano e di big dal mondo delle radio e della critica musicale nazionale e l’unico concerto in Toscana dei Sick Tamburo per presentare l’ultimo album e alcuni estratti del nuovo reading di Max Collini: sono solo alcuni dei protagonisti e degli appuntamenti in programma per la finale del Contest che da oltre trent’anni premia i musicisti esordienti più promettenti della Penisola. Fra i giurati, Vasco Brondi, Andrea Appino degli Zen Circus, Paolo Benvegnù, Rachele Bastreghi dei Baustelle, Diodato, Francesco Magnelli ex-CSI e Litfiba, Max Collini, oltre ai giornalisti John Vignola di Rai Radio Uno, Giulia Cavaliere di Sky e Rolling Stone, Damir Ivic per Soundwall e Federico Russo di Radio Deejay. La votazione della giuria fa media con la votazione da parte degli spettatori, alla fine delle esibizioni.

A Christmas Carol – Al Teatro Verdi (via Ghibellina 99; 055-21.34.96 – www.teatroverdifirenze.it) sabato 14 alle 20.45 e domenica 15 alle 16.45 alle torna «A Christmas Carol, il musical» della Compagnia dell’Alba, diretta da Fabrizio Angelini e da Gabriele de Guglielmo; ispirato al racconto di Charles Dickens «Canto di Natale», proposto con le musiche e le canzoni di Alan Menken (autore di La Bella e la Bestia, La Sirenetta, Aladdin, ecc.), con la regia e le coreografie di Fabrizio Angelini e la direzione musicale di Gabriele de Guglielmo. Ad interpretare il ruolo di Ebenezer Scrooge, ricco uomo d’affari meschino e avaro, anche quest’anno sarà Roberto Ciufoli. Biglietti da 19 a 31 euro.

Vecchia sarai tu! – Al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303, tel. 055/422.03.61) da giovedì 12 a sabato 14 dicembre ore 21 torna Antonella Questa col suo «Vecchia sarai tu!». In un’epoca in cui invecchiare sembra un cedimento inaccettabile, come viviamo oggi l’età che avanza? Abbiamo ancora il diritto di invecchiare? Con una buona dose di ironia, Antonella Questa si cala nei panni di nonna, nuora e nipote per declinare il complesso tema del passare del tempo. Biglietti 16 / 14 euro. Nell’attigua SMS di Rifred sabato 14 per tutto il giorno c’è il mercatino del riuso e del piccolo artigianato.

Tredici a tavola – Al Teatro di Cestello in San Frediano sabato 14 alle 20.45 e domenica 15 alle 16.45 e poi da giovedì 19 a domenica 22 Marco Predieri mette in scena «Tredici a tavola», celeberrima e divertentissima commedia natalizia di Marc Gilbert Savajon del 1953 la cui fama fu aiutata da un adattamento cinematografico del 1955. Un grande classico, che racconta la tragicomica Vigilia di Natale di Antoine e Madeleine, Antonio e Maddalena, alle prese con un cenone che pare proprio non si debba consumare mai perché si ritrovano in tredici e Maddalena, superstiziosissima, cerca di trovare un quattordicesimo commensale o di non farne venire uno dei previsti, ma ogni tentativo si rivela, naturalmente, inutile. Info e prenotazioni 055.294609.

Passaggi di penna – Domenica 15 alle 17 presso l’Academy F di via Panicale 61r, Firenze (ingresso libero; info 3478334098), ci sarà la presentazione nazionale di un libro particolarissimo, che nasce in un modo molto diverso da come nascono di solito i libri da che siamo entrati nell’era del pc. «Passaggi di penna» è un libro fatto di 29 libri manoscritti che hanno viaggiato da Milano a Palermo, passando di mano in mano. 46 scrittori di tutta Italia hanno riempito le sue pagine scrivendo a mano i loro racconti sul viaggio. Un progetto di Claudia Piccini e Daniele Locchi, che hanno voluto recuperare la fisicità, ormai sconosciuta ai più, dello scrivere a mano, portando sulla carta il carattere, il sentimento, la fatica del voler comunicare con le parole qualcosa che va al di là delle parole stesse e trasforma le pagine di un libro da tela neutra, a testimonianza originale ed unica impressa dalla scrittura.

Laudario di Cortona – All’Auditorium della fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, nell’ambito degli eventi programmati da O.M.E.G.A. Musica (via Folco Portinari 5; ingresso 10 euro, Soci Coop, Firenze Lirica e residenti 8 euro, soci O.M.E.G.A. 7 euro, studenti 5 euro; dettagli e biglietti su www.omegamusica.org) domenica 15 alle 18.30 il Quintetto Polifonico Italiano “Clemente Terni” condotto da Guglielmo Visibelli (Lorena Giacomini: soprano; Costanza Redini: contralto; Gualtiero Spini: tenore; Oronzo Parlangeli: baritono; Guglielmo Visibelli: basso) presenta il Laudario di Cortona, raccolta di laude di Anonimi del secolo XIII nella trascrizione e versione per concerto di Clemente Terni (che progettò, peraltro, il bellissimo organo che occupa tutta la parete di fondo dell’Auditorium CR).

Il Quartiere de iNuovi – Al Teatro Niccolini di Firenze (via Ricasoli 3) sabato 14 alle 19 e domenica 15 alle 17 iNuovi affrontano «Il Quartiere» di Vasco Pratolini guidati dal giovane Sebastiano Spada, alla sua prima esperienza di adattamento e coordinamento artistico. Lo spettacolo è in in prima nazionale. La compagnia, che abita operativamente la sala di Via Ricasoli, è composta dai diplomati del Corso per Attori “Orazio Costa” della Fondazione Teatro della Toscana e delle migliori scuole di teatro italiane.

Andrea Bruni al Lumière – al Teatro Lumiére (via di Ripoli 236; tel. 055 682 1321) sabato 14 alle 20.45 e domenica 15 alle 16.45 arriva «Bruno lo zozzo» di Andrea Bruni (l’oste nella serie TV «Pezzi unici» di RAI UNO). Il progetto nasce da una serie di libri scritta e illustrata da Simone Frasca e molto amata dai bambini: quella che racconta le avventure di Bruno lo Zozzo, un bambino fantasioso ma poco amante della doccia, e del suo amico invisibile, il maiale Giovanni. Il testo teatrale è stato scritto da Andrea Bruni con il contributo dello stesso Frasca, autore fra l’altro delle scenografie che saranno proiettate durante lo spettacolo. Filo narrativo dello spettacolo è l’alternarsi delle avventure di due personaggi, che, come si scoprirà soltanto alla fine, sono in realtà le due anime della stessa persona. Posto unico 10 / 8 euro.

Lucia alla Manifattura Tabacchi – Dal 12 al 14 dicembre alla Manifattura Tabacchi (via delle Cascine) arriva la prima edizione di Lucia, la radio al cinema, curato e promosso da Radio Papesse. Tra gli ospiti Third Coast International Audio, un festival internazionale, considerato il Sundance della radio,  che sabato 14 alle 9.15 offre una sessione di ascolto alla scoperta di alcune produzioni che contribuiscono alla continua ridefinizione di ciò che è radio e podcast oggi. A Firenze arrivano Maya Goldberg-Safir (direttrice artistica) Emily Kennedy (program director) e Isabel Vázquez (senior producer di tutte le trasmissioni e i podcast del Third Coast). Da un’idea di Mauro Pescio nasce lo storyshow Mio Cugino (sabato 14 alle 22:15). www.luciafestival.org

Cango e PARC – Sabato 14 alle 21 a Cango (via Santa Maria 15) la Compagnia Opus Ballet presenta in prima nazionale Dreamparade, coreografia di Marina Giovannini. Biglietti 12 / 10 euro; info e prenotazioni 055.2280525. Domenica 15 PARC (Piazzale delle Cascine)  ospita la Compagnia Xe con un programma di danza che comprende In sospeso, coreografia di Sara Paternesi e Marco Pericoli, e Riflessi Lucidi di un mondo perduto, coreografia e interpretazione Erica Meucci, Luciano Ariel Lanza. Il programma, della durata totale di circa 1 ora (con un breve intervallo tra i due pezzi), viene replicato alle 16 e alle 18. Ingresso € 5; info e prenotazioni: Compagnia Xe 055 8290193 | 320 9476477

F-Light – Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento natalizio con “F-Light”, il Firenze Light Festival, che per un mese, dall’8 dicembre al 6 gennaio, ridisegnerà il volto notturno della città. L’evento rivestirà di nuova luce piazze e monumenti attraverso video-mapping, proiezioni,lightshow e installazioni artistiche e proporrà mostre, attività educative, visite speciali nei musei, spettacoli e incontri culturali. Ad ispirare il festival, promosso dal Comune di Firenze e organizzato da MUS.E, con la direzione artistica di Sergio Risaliti, il cinquantesimo anniversario dello sbarco sulla Luna. Alla presenza del Sindaco Dario Nardella, degli artisti e di Sergio Risaliti, sabato 14 alle 18 in Piazza SS. Annunziata si accenderà l’albero di Natale realizzato da Domenico Bianchi, e alle 19, in Piazza Santa Maria Novella, quello di Mimmo Paladino, intitolato Una tombola per Firenze.

Battalli di Cavaglia con Pippolese – Sabato 14 alle 21 e domenica 15 alle 17 lo spettacolo teatrale «Battalli di Cavaglia» di e con Lorenzo Andreaggi e La Nuova Pippolese al Teatro Il Palco di Gavinana (Piazza Cardinale Elia dalla Costa). Biglietti €10. Consigliable prenotazione telefonica al teatro, 331/8492198.

Careggi in Musica – Domenica 15 alle 10.30 nell’Aula Magna del Nuovo Ingresso dell’Ospedale di Careggi (Largo Brambilla 3, Firenze, ingresso libero), ultimo appuntamento dell’anno con i concerti di Careggi in Musica, stagione di musica in ospedale nata nel 1999 da un’idea di A.Gi.Mus. Firenze in collaborazione con Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi. Davide Alogna al violino e Salvatore Barbatano al pianoforte eseguiranno musiche di Mozart e Beethoven.

Babbo Running – Domenica 15 in Piazza SS. Annunziata alle 8.30 raduno per la Babbo Running, dove si corre vestiti da Babbo Natale; partenza ore 10. I 5 km si possono fare anche camminando. Il ricavato va alla Fondazione Tommasino Bacciotti. www.babborunningfirenze.it

Florence Ice Village – Ai giardini della Fortezza, lato vasca, fino al 29 febbraio 2020 c’è Florence Ice Village: pista di pattinaggio su ghiaccio di 320 metri intorno alla vasca, mercatini, villaggio di Babbo Natale. Dalle 10 del mattino a mezzanotte. Col biglietto si hanno un paio di pattini a nolo e un’ora in pista.

Firenze Winter ParkFino al 23 Febbraio 2020 nel giardino del Tuscany Hall (via Fabrizio de André angolo, Lungarno Aldo Moro, 3) c’è il Winter Park, aperto sabato e domenica dalle 10.30 alle 24. L’impianto è composto da una pista di pattinaggio principale “master” coperta di 18 metri x 38 metri e una pista “river” di 10 metri x 20 metri, sempre coperta, pensata per i più piccoli e per i principianti, sulla quale sarà possibile praticare l’Ice Stock uno sport della stessa famiglia del Curling adatto a grandi e piccini, che non richiede l’utilizzo dei pattini. Ristorante e tavola calda. Info 334 6035780

Weihnachtsmarkt in Santa Croce e altri mercati – Fino a domenica 22 dicembre c’è il Sudtirolo in città: oltre 50 casette di legno prendono posto nella storica piazza Santa Croce nel centro di Firenze. Torna il Weihnachtsmarkt, il mercatino di Natale alla tedesca: brezel, strudel, würstel, birre, prodotti d’artigianato. Un vero e proprio villaggio in stile crucco davanti alla basilica di Santa Croce; previsti anche eventi per grandi e bambini. Ogni giorno, orario 10–22. Lo Spazio Natale di Emergency è presso i locali della galleria Artedove, via de’ Macci 81r, dall’1 al 24 dicembre. Al Parterre (piazza della Libertà) c’è Il villaggio di Babbo Natale,  sabato 14 e domenica 15 dalle 10 alle 19: animazione e laboratori per i più piccoli, pesca di beneficenza, l’angolo per scrivere la letterina e quello per comprare regali solidali. L’iniziativa è promossa da Noi per voi,associazione di genitori contro il cancro infantile. Il ricavato delle attività sosterrà i progetti “Homing” e “Non da soli” per aiutare le famiglie in cui un figlio o un genitore affrontano una patologia oncologica. Alle Cascine c’è la Fiera dell’Avvento (nello spazio del mercato del martedì). Fiera anche in Viale Europa (dove si trova anche il banco delle volontarie del gattile A.M.A., con molte idee regalo a tema micioso: il ricavato va interamente a pro dei circa 200 gatti ospiti del gattile), con la pedonalizzazione dei controviali. Fierucola in Piazza del Carmine; al Grand Hotel Mediterraneo (Lungarno del Tempio 44) mercatino di Natale con creazioni fatte a mano, abbigliamento, bijoux, idee regalo, dolcetti e bevande calde

l Presepe di Villa La Quiete – Aperture del complesso monumentale con visita al Presepe storico.Nel periodo natalizio Villa La Quiete riapre al pubblico: il percorso di visita è arricchito dall’allestimento del Presepe storico, collocato all’interno della chiesa. L’ingresso e la visita guidata sono gratuiti, la prenotazione è obbligatoria. 7 dicembre 2019 – 6 gennaio 2020 – tutti i sabati e le domeniche e il giorno dell’Epifania: la visita ha inizio alle 15.30 (durata: 1 ora e mezzo). Sede: Villa La Quiete, via di Boldrone, 2 – Firenze. Organizzazione: Sistema Museale di Ateneo. Info e prenotazioni allo 055-2756444 edumsn@unifi.it

La Stanza delle Meraviglie – Nel quadro della collaborazione fra Unicoop, i Musei Civici Fiorentini e MUS.E, il mese di dicembre prevede La Stanza delle Meraviglie, calendario di visite, attività e laboratori per scoprire le meraviglie del patrimonio civico. I musei coinvolti sono Museo di Palazzo Vecchio, Cappella Brancacci, Museo Bardini e Museo Novecento e per tre fine settimana, da sabato 7 a domenica 22, proporranno per i soci Unicoop un ampio programma pensato per diverse fasce di età ed esigenze (giovani, adulti, famiglie con bambini), all’insegna di una cultura che si fa accoglienza e divertimento, curiosando nella vita alla corte dei Medici e scoprendo i gioielli dell’arte antica e presente, con lo stesso incanto con cui si entrava nelle “camere delle meraviglie” tipiche del Cinquecento, considerate i primi esempi di museo.  Con la formula 2X1, i soci Unicoop Firenze avranno diritto di accedere al museo, esibendo la propria tessera socio unitamente a un documento identificativo, in due con un solo biglietto, intero o ridotto nei casi in cui la riduzione sia applicabile (18-25 anni e studenti universitari). Eccezionalmente, inoltre, Unicoop Firenze offre la visita guidata, gratuita sia per il socio sia per l’accompagnatore. Per tutte le attività occorre prenotarsi presso il Contact centre MUS.E: tel. 055 2768224 mail info@muse.comune.fi.it

Mostre – Fino al 2 febbraio 2020 al piano terreno del Museo Archeologico Nazionale di Firenze (Piazza della Santissima Annunziata, 9b; orario: martedì-venerdì 8.30-19, sabato, domenica e lunedì 8.30-14) c’è «Mummie. Viaggio verso l’immortalità», con oltre 100 reperti provenienti dai magazzini del nostro Museo Archeologico, il secondo in Italia per importanza dopo quello di Torino (e il decimo in tutto il mondo). La mostra, che illustra il rapporto degli Egizi con il mondo dell’Aldilà, viene da un lungo tour in Europa e in Cina. Da un’idea di Maria Cristina Guidotti, direttrice della sezione egizia, che ha studiato le mummie, restaurato numerosi pezzi e scoperto la bellezza di un sarcofago come quello del sacerdote Padimut, con la ricca decorazione delle dinastie XXI e XXII (1069-656 a.C.). La statua del sacerdote Henat, che indossa una veste di foggia persiana, testimonia il dominio sull’Egitto dell’Impero Persiano (525-404 a.C.); ci sono amuleti, scarabei e vasi canopi per conservare gli organi del defunto, gioielli, cesti e vassoi di fibra vegetale che sembrano intrecciati oggi, la cassetta dipinta che ospitava gli ushabti (piccole statue del corredo funebre) dello scriba Nekhtamontu vissuto nel Nuovo Regno (1559-1070 a.C.). Da una testa mummificata attraverso la TAC è stato possibile ricostruire il volto.

Dal 12 dicembre 2019 al 26 gennaio 2020 Palazzo Medici Riccardi (via Cavour 3) ospita nelle Sale Fabiani «Il colore dei miei giorni», la personale dedicata all’opera di Danièle Lorenzi Scotto (1936), organizzata grazie al supporto del Swiss Lab for Culture Projects, a cura di Claudio Strinati e con il contributo di Cristina Acidini. Gli oltre 70 dipinti esposti ripercorreranno, soprattutto attraverso ritratti, l’intera avventura umana e creativa di quest’artista monegasca di origini italiane, che si lega alle vicende culturali e artistiche del secondo Novecento, prendendo avvio alla metà degli anni Cinquanta del secolo scorso proprio a Firenze. Tutti i giorni ore 9-19, chiuso il mercoledì. Ingresso libero. Informazioni 055 2760552, www.palazzomediciriccardi.it

A Palazzo Strozzi c’è «Natalia Goncharova. Una donna e le avanguardie, tra Gauguin, Matisse e Picasso». Fino al 12 gennaio 2020.

A Villa Bardini c’è Enigma Pinocchio. Da Giacometti a La-Chapelle, mostra curata da Lucia Fiaschi e interamente dedicata alla creatura di Collodi, Pinocchio. Da Giacometti a La Chapelle, da Munari a Paladino, da Calder a Ontani, da McCarthy a Venturino Venturi. Fino al 22 marzo. Orario: tutti i giorni 10-19, chiuso lun Info: 055.20066233 www.villabardini.it

Nell’anno in cui si celebra il cinquantenario dello sbarco sulla luna, la mostra Novecento lunare. Lucio Fontana, Eliseo Mattiacci, Fausto Melotti, Giulio Turcato, ospitata nella Sala dei Gigli di Palazzo Vecchio, a Firenze, fino al 15 gennaio 2020, vuole rendere un poetico omaggio alla Luna e alla sua conquista. Curata da Sergio Risaliti, la mostra è un progetto di Museo Novecento, visibile lungo il percorso espositivo del museo di Palazzo Vecchio e si inserisce nel programma di F-LIGHT 2019, il festival delle luci del Comune di Firenze che per une mese ridisegnerà il volto notturno della città. Tutti i giorni h.9.00-19.00, eccetto il giovedì h. 9.00-14.00. La biglietteria chiude un’ora prima del museo (si entra col biglietto del museo).

I dinosauri sono protagonisti di una grande e suggestiva mostra dal titolo Dinosaur Invasion, dal 9 novembre 2019 fino al 12 gennaio 2019 in Viale Guidoni 206, accanto al Centro Sportivo Paganelli, noto anche come “le cupole” (zona Novoli-Olmatello). Organizzata in collaborazione con Firenze Pallanuoto e Liberi e Forti ASD (società cui andrà una parte degli incassi per l’efficientamento energetico dell’impianto sportivo), la mostra coinvolgerà non solo bambini, ma anche ragazzi e famiglie, grazie alla realizzazione di un parco giurassico a grandezza naturale che offrirà un’esperienza unica e dinamica di grande impatto: “l’invasione” vedrà protagonista infatti una trentina di dinosauri da osservare ciascuno nel proprio ambiente, ricreato con cura in 17 isole interamente scenografate. Ore: 9.30 – 19.30, dal lunedì alla domenica (chiusura biglietteria alle 18.30). Biglietti interi: € 13, ridotti: € 10, famiglia (4 persone): € 40, famiglia (5 persone): € 48; info e acquisto http://www.dinosaurinvasion.it/it/

La Collezione Roberto Casamonti allestita al Piano Nobile di Palazzo Bartolini Salimbeni (Piazza di Santa Trinita, 1), storico edificio rinascimentale opera di Baccio d’Agnolo, si rinnova totalmente con l’obiettivo di presentare e mettere a disposizione dei visitatori il fior fiore dell’ampia Collezione personale, raccolta dal noto gallerista fiorentino in 40 anni di appassionate ricerche. Nel primo anno sono stati esposti i capolavori della prima metà del Novecento, accolti con notevolissimo interesse da pubblico e critica. Ad essere rivelata è l’arte della seconda parte del secolo a partire dalla fine dagli anni Sessanta. www.collezionecasamonti.com

Negli spazi della Galleria Poggiali di Firenze (Via della Scala, 35/A e Via Benedetta, 3r) mostra di Luca Pignatelli “In un luogo dove gli opposti stanno”, curata da Sergio Risaliti, e che proseguirà fino all’8 febbraio 2020, con ingresso libero. L’esposizione, che si snoda attraverso una serie di opere collocate nei due spazi di via della Scala e di via Benedetta, propone lavori inediti, scavalcando la linea di demarcazione tra astratto e figurativo, tra citazione e arte povera.

Dal 14 dicembre al 13 aprile 2020 a Prato c’è «Dopo Caravaggio. Il Seicento napoletano nelle collezioni di Palazzo Pretorio e della Fondazione De Vito», organizzata dal Comune di Prato e curata da Rita Iacopino e Nadia Bastogi. Diciannove opere che raccontano l’influenza della pittura di Caravaggio su alcune delle personalità più rilevanti della scena artistica napoletana del XVII secolo; info e prezzi sul sito di Palazzo Pretorio

Alla Fondazione Ragghianti di Lucca, dal 12 ottobre 2019 al 7 gennaio 2020, ci’è a mostra «Bernardo Bellotto 1740. Il viaggio in Toscana».

Dall’8 dicembre al 26 aprile 2020 al PALP Palazzo Pretorio Pontedera (piazza Curtatone e Montanara 1) c’è la mostra «Arcadia e Apocalisse. Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni», ideata e curata da Daniela Fonti e Filippo Bacci di Capaci e promossa dalla Fondazione per la Cultura Pontedera, dal Comune di Pontedera, dalla Fondazione Pisa, con il patrocinio e il contributo della Regione Toscana. La mostra ha l’obiettivo di indagare il modo in cui il paesaggio è stato percepito e rappresentato artisticamente dal 1850 fino ai giorni nostri, mettendo in luce quelli che sono stati i cambiamenti in materia di estetica e di codici rappresentativi e cercando al contempo di sensibilizzare la coscienza dei visitatori sul tema del degrado ambientale.

Al Palazzo Blu di Pisa è in corso Maestri del Futurismo. Le opere più significative del Futurismo, movimento artistico nato ufficialmente nel 1909 col Manifesto di Marinetti, si ritrovano nella mostra curata da Ada Masoero. Fino al 9 febbraio 2020.

A Livorno nel museo della città in piazza del Luogo Pio mostra Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre nel centenario della morte di Modigliani; l’esposizione porta nella città che diede i natali al maestro 122 opere, fra cui 14 dipinti e 12 disegni di Modì. Ci sono dipinti e disegni appartenuti ai due collezionisti, Netter e Alexandre, che lo hanno accompagnato e sostenuto nella sua vita, e un centinaio di opere di artisti con cui aveva fatto amicizia come Maurice Utrillo, André Derain, Chaïm Soutine, la stessa compagna Jeanne Hébuterne, e altri come Suzanne Valadon, Moïsee Kisling, Maurice de Vlaminck. Fino al 16 febbraio 2020.

A San Giovanni Valdarno (AR) dal 15 dicembre al 6 gennaio presso Casa Mannozzi in Corso Italia,105, c’è la mostra Derno Ricci 1949/2009, istantanee fra cielo e terra, a cura di Betty Barsantini, Bruno Casini, Silvia Orlandi ed Annamaria Ricci. Una serie di stampe originali di rara bellezza per una mostra che sarà davvero entusiasmante per ogni appassionato di fotografia. Ingresso libero.

CAMPI BISENZIO (FI)

Tra rime giocose e spunti interessanti sui temi della casa, della famiglia, della crescita e del fallimento con un twist musicale, sarà la nuova versione della classica fiaba “I tre porcellini, un musical curvy” lo spettacolo in programma domenica 15 alle 16 al Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio (piazza Dante, 23). L’evento, inserito nella stagione teatrale rivolta ai giovani spettatori, è firmato dal regista Gioacchino Inzirillo che dirige se stesso e Federica Vitiello, Gabriele de Mattheis, Elena Nieri, Marco Caselle, Luca Spadaro, Mariasole Fornarelli in questa nuova versione della classica fiaba tra canzoni e rime spiritose; informazioni www.teatrodante.it. .

ANTELLA (FI)

Il cacciatore di sogni” di Olimpia Bogazzi e Khalilurrahman Nanang dedicato al pubblico dei piccoli è in scena al Teatro Comunale Antella (Via Montisoni 10, Bagno a Ripoli – Firenze) domenica 15 alle 17 (posto unico 7 euro/gratis fino a 4 anni), dopo lo spettacolo gli autori conducono un laboratorio per bambini sulla proiezione delle ombre. Un cacciatore nomade cambia la sua vita per rincorrere un sogno e intraprende un lungo viaggio per raggiungere la luna, eterna custode dei desideri di tutti gli esseri viventi.

SCANDICCI (FI)

Al Teatro Studio (via Donizetti 58) sabato 14 alle 21 e domenica 15 alle 16.45 i Malmadur debuttano in prima nazionale con «50 minuti di ritardo», scritto e diretto da Alessia Cacco e Jacopo Giacomoni. Il progetto teatrale di tipo performativo rievoca un’esperienza realmente accaduta a un membro della compagnia su un aereo diretto da Mykonos a Venezia: la partenza fu ritardata a causa della presenza a bordo di due profughi travestiti da turisti. Ingresso euro 12; Circuito Boxoffice Toscana e online

SAN CASCIANO V.P. (FI)

Dal 30 novembre al 23 dicembre c’è «Natale a San Casciano» con eventi e mercatino.

CASTELFIORENTINO (FI)

A Castelfiorentino dall’8 dicembre al 6 gennaio c’è «La via dei presepi», con oltre 70 presepi disseminati in 52 location nel centro storico del paese alto. Le antiche mura della Pieve si animeranno con installazioni lumino tecnicheche. Domenica 8 alle 16 da Piazza del Popolo verso la Pieve Taglio del nastro al grande presepe all’aperto. Spettacoli e concerti natalizi nei fine settimana. Lunedì 6 Gennaio dalle 15 Da Piazza Kennedy: corteo dei Magi verso la pieve attraversando il Parco Piovanelli con la partecipazione del gruppo musici e sbandieratori “Contrada San Pierino” e alle 17 in Piazza del Popolo lancio delle mongolfiere. Sabato, domenica e festivi dalle ore 15 alle 19,30; 31 dicembre chiuso.

FIBBIANA (FI)

Al Teatro Aurora di Fibbiana (0571 541021) sabato 14 alle 21.30 e domenica 15 alle 17 Underwear Theatre presenta  La villeggiatura di Goldoni, adattamento e regia Filippo Frittelli, con Cosma Barbarfiera, Filippo Frittelli, Michele Jommi, Ettore Petrioli, Ludovica Rio, Giorgia Stornanti, Valentina Tosi; pianoforte dal vivo Sara Palumbo. Biglietti  12/10 euro.

PRATO

in duplice veste di regista e attrice Licia Lanera si confronta con un classico come Il gabbiano di Cechov, in scena al Teatro Metastasio sabato 14 alle 19 e domenica 15 alle 16.30; una produzione Compagnia Licia Lanera, Teatro Metastasio di Prato, TPE – Teatro Piemonte Europa. Secondo movimento della trilogia Guarda come nevica – che include tre testi e tre spettacoli sulla neve, tre autori russi e tre generi letterari: Cuore di cane di Bulgakov, Il gabbiano di Cechov e Le poesie di Vladimir Majakovskij – Il gabbiano vede sulla scena la stessa Lanera insieme a sette attori: Vittorio Continelli, Mino Decataldo, Alessandra Di Lernia, Jozef Gjura, Marco Grossi, Fabio Mascagni, Giulia Mazzarino. Biglietti da 15 a 28 euro. Info Teatro Metastasio – tel 0574 608501

In occasione del Natale, la rassegna MET RAGAZZI propone «Natale è teatro», festa del teatro durante la quale sarà possibile assistere a 3 diversi spettacoli distribuiti fra Fabbricone, Magnolfi e Fabbrichino. Sabato 14 alle 15.30 e domenica 16 alle 17 al Teatro Fabbricone, il Teatro del Piccione presenta Pollicino, drammaturgia Manuela Capece e Davide Doro, con Simona Gambaro e Paolo Piano; sabato 14 alle 17 e domenica 15 alle 11 e alle 15.30, al Teatro Magnolfi, Patrizia Menichelli dà vita a un gioco rituale ne Il favoloso mondo, un’esperienza immersiva e itinerante che, attraverso i sensi, prepara a una visita speciale nella dimensione onirica di una strana lavanderia; sabato 14 alle 17 e domenica 15 alle 15.30 al Teatro Fabbrichino Il giardino giapponese di compagnia TPO/ Teatro Metastasio di Prato è un racconto per immagini, fatto attraverso la creazione di un giardino che, grazie alla presenza di sensori a pressione nascosti, si anima di immagini e suoni. Il biglietto per ogni singolo spettacolo costa 6 euro per i bambini e 7 euro per gli adulti. Per domenica 15 è previsto un PASS GIORNALIERO al prezzo di 15 euro (sia adulti che bambini), che permette di assistere ai tre spettacoli in programma. Info e prenotazioni: 0574 608501

PISTOIA

Domenica 15 alle 17 il Teatro Manzoni (Corso Gramsci, 127), nell’ambito di Natale in città, apre le porte ai gruppi musicali amatoriali e studenteschi che collaborano a Floema, progetto a cura di Daniele Giorgi nato con l’obiettivo di far giungere nutrimento musicale in profondità nel tessuto sociale: Banda Borgognoni, Banda Fognano, Coro Città di Pistoia, Coro Giovanile Pistoiese, Orchestra MaBerliner, Ensemble Liceo Musicale “N. Forteguerri”. Un programma gioioso e spumeggiante, da Mozart a John Williams. Ospite sarà quest’anno l’Associazione Rondine Cittadella della Pace di Arezzo che interverrà per raccontare, attraverso le giovani voci di Arvedo e Vesna dello Studentato Internazionale World House, l’impegno per la riduzione dei conflitti armati nel mondo e per la diffusione della propria metodologia finalizzata alla trasformazione creativa del conflitto in ogni contesto. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

PONTEPETRI – PISTOIA

Sabato 14 riapre l’Antica Osteria Le Panche (Via Modenese, 758, Pistoia [Pontepetri]; informazioni e prenotazioni 3662844676; cena il sabato dalle 20; pranzo la domenica dalle 12.30), sotto la direzione di Rodolfo Banchelli. Dopo la cena, uno spettacolo con Rodolfo Banchelli, grande ballerino già campione mondiale di rock’n’roll, cantante e cantautore, attore, cabarettista; la sua fida partner Cinzia D’Aloiso e il pianista Fabio Vannini.

PISA

Domenica 15 alle 15.30 al Teatro Verdi (via Palestro 40) ultima replica di «Ernani» di Giuseppe Verdi.

LUCCA

Al Teatro del Giglio sabato 14 alle 21 Corrado Augias narra «Tosca». Info www.teatrodelgiglio.it

LIVORNO

Domenica 15 alle 17 si conclude “Ospedali in Musica”, la stagione di musica in ospedale organizzata da A.Gi.Mus. Firenze – Livorno e Azienda USL Toscana Nord Ovest. Nella Hall al Secondo Piano del Palazzo di Amministrazione degli Spedali Riuniti (Viale Alfieri 36, ingresso libero) si esibirà il trio The Nighthawks, formato da Serena Moroni al violino (già protagonista in altre formazioni come La Cattiva Strada e Bob Jay Trio), Cosimo Ravenni al contrabbasso (contrabbassista degli Street Clerks, resident band dello show televisivo E Poi C’è Cattelan in onda su Sky Uno) e Pietro Guarracino alla chitarra (chitarrista nei tour teatrali di Neri Marcorè e Lorenzo Baglioni). L’appuntamento è in collaborazione con l’Associazione Il Popolo del Blues.

RAPOLANO TERME (SI)

Sabato 14 alle 21 al Teatro del Popolo (Piazza del Teatro 3) «Ti racconto Don Giovanni», con l’Ensemble di archi e fiati dell’ORT e l’attore Alessandro Riccio; ideato e scritto da Alessandro Riccio su musiche di Wolfgang Amadeus Mozart; adattamento per dieci strumenti di Francesco Oliveto, produzione Fondazione ORT. Uno spettacolo a cavallo tra musica classica e teatro, una ricreazione dell’opera ibridata con la commedia dell’arte dal trasformista e debordante Alessandro Riccio. Durata: 1h 20’; info 331 8181776; intero € 14 / ridotto € 10 under 30 e over 65, carta Studente della Toscana biglietto ridotto € 8 studenti universitari (il posto verrà assegnato, dietro presentazione della carta, in base alla disponibilità della pianta; si consiglia l’accesso in biglietteria almeno un’ora prima dell’inizio spettacolo); la biglietteria è aperta nei giorni di spettacolo dalle ore 20.30.

ABBADIA ISOLA – MONTERIGGIONI (SI)

Domenica 15 alle 21 presso il Complesso Monumentale di Abbadia Isola si terrà lo spettacolo teatrale In Chiostro 4 «La favola di Valibona», dal fumetto di Jacopo Nesti e Francesco Della Santa “L’eroe partigiano”, la lotta di liberazione di Lanciotto Ballerini. Di e con Antonio Fazzini. Dettagli su www.teatrodelledonne.com

MONTEPULCIANO (SI)

Fino all’Epifania c’è Natale a Montepulciano, grande mercatino natalizio con eventi e attrazioni per i bambini; dettagli su www.nataleamontepulciano.it

AREZZO

Nel centro storico c’è Arezzo Città del Natale: fino al 6 gennaio mercatini, attrazioni ed eventi. Dettagli su www.arezzocittadelnatale.it.

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: