Le parole dell'assessore lombardo

Coronavirus: salgono a 3 le vittime, l’ultimo decesso a Crema. Italia terza nel mondo per numero di contagi

di Paolo Padoin - - Cronaca, Primo piano, Salute e benessere, Top News

MILANO – Sale a tre il bilancio delle vittime da Coronavirus in Italia. Il terzo decesso nel reparto di Oncologia dell’Ospedale di Crema.  «Non siamo in pandemia, ma e’ bene limitare assembramenti. I casi positivi sono 112, distribuiti tra Lodi, Codogno, Cremona, Pavia e Milano. Di questi 112, 53 sono in ospedale, 17 in terapia intensiva», ha affermato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, nel corso della conferenza stampa convocata questo pomeriggio a Palazzo Lombardia per fare il puntosui casi di coronavirus e per presentare le azioni per contrastare il contagio contenute nell’ordinanza regionale. Dei 112 contagiati, 3 sono a Bergamo, 14 a Cremona, 49 a Lodi, 1 in Monza e Brianza, 2 a Milano, 6 a Pavia, 1 a Sondrio e 36 in verifica, ha spiegato Gallera. «Lavoriamo per meccanismi che riducano la diffusione virus. Dopo la prima fase, ora e’ evidente che, vista la presenza in varie regioni e il numero crescente di contagi, stiamo provando a gestire la seconda fase, per contenere la diffusione del virus».

Il Commissario Borrelli ha fatto il punto a livello nazionale. 152 contagi, 26 dei ricoverati sono in terapia intensiva. Il numero complessivo dei positivi, ha spiegato Borrelli, tiene conto delle vittime e del ricercatore che era ricoverato allo Spallanzani ed è guarito. Oltre ai casi in Lombardia, in Veneto sono 24 (ai quali va sommato l’anziano morto a Vo’ Euganeo), in Piemonte 6, in Emilia Romagna 9 e nel Lazio 2. Questi ultimi sono la coppia di cinesi che si trova ancora allo Spallanzani. Attualmente, ha detto ancora Borrelli, 129 persone sono in ospedale sotto osservazione, 54 sono ricoverati, 26 sono in terapia intensiva e 22 in isolamento domiciliare.

Con 152 persone contagiate dal nuovo coronavirus, l’Italia è il terzo Paese nel mondo per numero di contagi, poco meno di 79mila, dopo la Cina e la Corea del Sud. E’ quanto si evince dalla mappa della diffusione in tempo reale del coronavirus aggiornata dalla Johns Hopkins University.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: