Il portavoce Bruni

Coronavirus: settimo caso in Vaticano. Un dipendente con moglie positiva

di Redazione - - Cronaca, Economia, Salute e benessere, Top News

CITTA’ DEL VATICANO – Sono diventati sette i casi di contagio da Covid-19 in Vaticano. Lo fa sapere il portavoce Matteo Bruni nello spiegare che ai sei casi comunicati, si è aggiunta la positività di un ulteriore dipendente della Santa Sede, già in isolamento dalla metà di marzo per via della moglie, che era risultata positiva al Covid-19 dopo aver prestato servizio nell’ospedale italiano dove lavora.

«Con l’occasione – annota Bruni – è utile chiarire che, come tutte le realtà istituzionali, i diversi enti e dicasteri della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano proseguono solo nelle attività essenziali, inderogabili e indifferibili, chiaramente adottando, nella massima misura possibile, gli opportuni provvedimenti di cui si è già data comunicazione, che includono il lavoro da remoto e criteri di turnazione, al fine di salvaguardare la salute del personale».

In precedenza, il Vaticano aveva fatto sapere di quattro casi di contagio tra i quali due dipendenti dei Musei Vaticani; tra i contagiati poi anche un alto prelato della Segreteria di Stato, ricoverato al Gemelli, e un sacerdote sempre al lavoro alla Segreteria di Stato vaticana ma residente fuori in un convento sull’Aurelia.

 

 

 

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: