Italia pareggia (1-1) con la Bosnia. Azzurri spuntati, Chiesa non sfonda. Classifica

Chiesa in azione contro la Bosnia
ANSA/CLAUDIO GIOVANNINI

FIRENZE – Elogia la squadra, Roberto Mancini, e la giustifica anche. Giusto. Ma se vogliamo essere onesti, questo pareggio non è esaltante e gli azzurri, complessivamente, non meritano la sufficienza. Dopo un primo tempo dominato dalla ragnatela bosniaca a tre quarti campo, il gol del romanista Dzeko ha svegliato l’Italia. C’era lo spettro della sconfitta dopo undici vittoie consecutive. Il bravissimo Sensi ci ha messo una pezza. Ma ripeto: ho visto un’Italia tutt’altro che scintillante. La sosta non ci ha fatto ritrovare la formazione che Mancini aveva portato a una serie di successi che avevano esaltato l’ambiente, ma era prevedibile che tutto non filasse perfettamente perchè la condizione, attualmente, è quella che è. Incassiamo il pareggio e andiamo avanti: lunedì ci sarà la partita ad Amsterdam, contro l’Olanda improvvisamente capolista del girone du Champions League. L’Italia deve trovare il gol e abbandonare la manovra macchinosa e asfittica di questa sera. Belotti e Insigne si sono dati da fare, ma senza mai pungere. E Federico Chiesa, a mio modo di vedere, ha perso l’occasione per sfondare e mettersi nuovamente in mostra. Ha avuto l’opportunità di giocare dall’inizio, vista l’indisponibilità di Bernardeschi, ma non l’ha sfruttata. Solo un tiro, all’inizio, poi la stessa opacità che gli è captata tante volte anche nella Fiorentina. Intendiamoci: Federico è un signor giocatore, ha classe e visione di gioco. Gli manca la conclusione vincente. Mi auguro che Mancini gli conceda un’altra opportunità in Olanda, anche perchè Zaniolo, che lo ha sostituito nel finale di partita, non è stato certamente più brillante di lui: l’unica volta che ha provato ad andar via di forza è stato fermato per una manata al viso dell’avversario che gli è costata anche il giallo.

Acerbi anticipa Dzeko di testa ANSA/CLAUDIO GIOVANNINI

CLASSIFICA – Nemmeno la Bosnia ha fatto una gran partita: puntava al pareggio, con un 4-1-4-1 utile a formare la ragnatela a metà campo, con la speranza di far gol affidata all’ariete Dzeko. Che ha trovato la porta. Facendo soffrire gli azzurri. E’ cominciata quindi non bene l’avventura in Nations League: gli altri avversari di girone sono l’Olanda e la Polonia. La squadra di Mancini, alla luce di questo pareggio, può ancora aspirare a piazzarsi fra i primi e organizzare la fase finale della manifestazione e a classificarsi fra i primi dieci nel ranking e presentarsi come testa di serie nel sorteggio delle qualificazioni per i Mondiali del 2022. La classifica è aperta, ma bisogna rimediare al pari di stasera cercando magari di vincere in Olanda. Certo, la strada è lunga, ma aver fallito la dodicesima vittoria di seguito ha fatto capire che la continuità fra quanto seminato sino a novembre scorso non c’è e bisognerà rimettersi in linea al piu’ presto.

SENSI – Gli azzurri possano fare ancora una buona figura, ma soprattutto devono migliorare sul piano del gioco. Dopo la novita di
Pellegrini a centrocampo, invece del fantasioso Zaniolo, di Acerbi al posto di Chiellini e del bravo Sensi in vece di Jorginho, la
prima partita degli azzurri senza pubblico ha fatto registrare una iniziale prevalenza italiana con un destro di Chiesa sull’esterno-rete. La Bosnia si è fatta viva nella metà campo azzurra senza tirare (Dzeko muto, Visca un tiro fuori). Insigne, abbastanza vivace, ha messo di poco alta una punizione. Diciamo che gli azzurri hanno tenuto discretamente in mano il pallino, pungendo due o tre volte, ma non si puo’ parlare di grande prestazione, nel primo tempo. La squadra di Mancini ha giocoforza tentato di forzare i tempi nella ripresa. Ci ha provato Insigne, poi la Bosnia ha colpito un palo con Hodzic dal fondo sinistro, su una leggerezza difensiva dei nostri. Anche gli azzurri sono andati vicini al gol con Insigne, che ha colpito il montante alla destra di Sehic. Poi, al 12′, su azione si calcio d’angolo, Sunjic di testa ha messo sul sinistro di Dzeko che ha infilato. Ha tentato di rispondere Barella, certamente il migliore degli azzurri, ma invano. Poi il pareggio, al 22′: Insigne da sinistra, palla per Sensi e rasoterra vincente (con deviazione). Florenzi si è visto deviare da Sehic la palla del vantaggio. Quindi sono cominciate le sostituzioni: in campo Zaniolo e Immobile. Donnarumma ha dovuto neutralizzare un destro di Visca. Andando alle prestazioni azzurre, la difesa e’ apparsa abbastanza compatta e ha concesso molto poco all’avversario nel primo tempo. Nella ripresa qualche sbandamento che ha causato un palo e un gol bosniaco. Il centrocampo, col romanista Pellegrini accanto a Sensi (non Jorginho che sembrava sicuro) e Barella, ha giocato discretamente come reparto. Bene l’interista che ha pareggiato, intraprendente Barella, sicuro il romanista. Poco influente Zaniolo. L’attacco è stato controllato dalla difesa bosniaca. Chiesa, l’ho detto, ha tentato qualche conclusione. Belotti si è visto poco, Insigne è andato meglio degli altri due ma neanche lui ha trovato il modo di far gol. Immobile è entrato tardi e non ha inciso.  Ininfluente il ragazzino Kean. Italia, insomma, da rivedere. E da rendere più incisiva.

Tabellino

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Florenzi, Bonucci, Acerbi, Biraghi; Lo.Pellegrini (41’st Kean sv), Sensi, Barella; Chiesa (27’st
Zaniolo), Belotti (28’st Immobile), Insigne. In panchina: Sirigu, Meret, Di Lorenzo, Chiellini, Cristante, Jorginho, Mancini, Locatelli, Spinazzola. Allenatore: Mancini

BOSNIA (4-3-3): Sehic; Cipetic, Sunjic, Sanicanin, Kolasinac (34’st Civic); Cimirot, Hadziahmetovic, Gojak; Visca (41’st Milosevic), Dzeko, Hodzic (31’st Besic). In panchina: Begovic, Buric, Bicakcic, Kvrzic, Duljevic, Koljic, Danilovic, Hajradinovic, Sabanadzovic.
Allenatore: Bajevic.

ARBITRO: Sidiropoulos (Grecia)

MARCATORI: 13’st Dzeko, 23’st Sensi

Ammoniti: Belotti, Cimirot, Zaniolo, Bonucci

Angoli: 7-2 per l’Italia

Recupero: 2′ pt, 4′ st

NATIONS LEAGUE/A
GRUPPO 1

1^ GIORNATA
ITALIA – Bosnia 1-1
Olanda – Polonia 1-0

CLASSIFICA PT PG V N P GF GS

Olanda 3 1 1 – – 1 –
ITALIA 1 1 – 1 – 1 1
Bosnia 1 ! – 1 – 1 1
Polonia 0 1 – – 1 – 1

2^ GIORNATA
Bosnia – Polonia 7/9
Olanda – ITALIA 7/9

3^ GIORNATA
Bosnia – Olanda 11/10
Polonia – ITALIA 11/10

4^ GIORNATA
Polonia – Bosnia 14/10
ITALIA – Olanda 14/10

5^ GIORNATA
Olanda – Bosnia 15/11
ITALIA – Polonia 15/11

6^ GIORNATA
Bosnia – ITALIA 18/11
Polonia – Olanda 18/11

bosnia, classifica, Dzeko, Federico Chiesa, Italia, Nations League, Sensi


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080