Skip to main content

Fisco: 16 milioni di Iva evasa con fatture false. 22 indagati

Un’auto della Guardia di Finanza in un’immagine d’archivio. ANSA/CESARE ABBATE

LIVORNO – L’indagine è partita da un piccolo negozio di articoi ortopedici e ha portato alla scoperta, da parte della guardia di finanza di Cecina, di una presunta frode fiscale che sarebbe stata realizzata grazie a fatture per operazioni inesistenti, emesse o utilizzate, per oltre 93 milioni di euro. Con un’evasione di Iva di circa 16 milioni.

Sono 22 le persone indagate per dichiarazione fraudolenta, 3 per riciclaggio e 2 per autoriciclaggio del denaro che per le fiamme gialle sarebbe stato illecitamente accumulato grazie all’evasione fiscale. Già disposti dal gip di Livorno ed eseguiti sequestri preventivi di beni per 6,3 milioni di euro.

Le indagini, spiega la Gdf, sono partite da controlli a  negozio di articoli ortopedici del Livornese,  che, in pochi mesi, ha però visto lievitare i propri acquisti da 100 mila a 15.000.000 di euro, arrivando poi a individuare un centinaio di imprenditori di varie regioni, che sarebbero coinvolti nella presunta frode.

frode fiscale, Guardia di Finanza, Livorno

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741