Stadio Franchi a rischio, Nardella: «Commisso a Campi? Faccia come vuole, ma possiamo aiutarlo»

Rocco Commisso con il sindaco, Dario Nardella

FIRENZE – Ha impressionato Palazzo Vecchio, la frase di Rocco Commisso, presidente della Fiorentina, che vuole buttar giù il Frnchi. Così come non ha lasciato indifferenti il fatto che oggi, 23 settembre, il presidente sia ndato a Campi per discutere dell’eventuale nuovo stadio della Fiorentina. Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha commentato: «Commisso oggi  è a Campi Bisenzio? Noi siamo
tranquilli, sicuri di quello che siamo facendo. Il Parlamento ha fatto un grandissimo lavoro, ha fatto una norma ad hoc per gli stadi italiani che si trovano in condizioni difficili. Poi Commisso è libero di fare quello che vuole, noi siamo qui e continuiamo a lavorare».

Tornano all’incontro di ieri con il presidente della Fiorentina, Nardella ha aggiunto: «Non commento le parole di Commisso, posso solo dire che la riunione di ieri è stata molto operativa ed è andata abbastanza bene. Noi aspettiamo che la Fiorentina presenti entro 2 mesi, come concordato, il progetto preliminare che insieme consegneremo al ministro. Ho garantito alla Fiorentina e a Commisso che mi metto in prima persona insieme a lui e presentiamo il progetto al ministero. Più che perderci in parole e commenti, aspettiamo il progetto preliminare della Fiorentina che si e’ presa l’impegno di terminarlo entro due mesi».

Riguardo alle condizioni del Franchi, estremamente critiche, il sindaco ha detto: «Dopo la delibera di inizio agosto abbiamo
chiesto all’università di Firenze, quindi all’ente della città scientificamente più autorevole e attendibile, una relazione sulle condizioni relative alla staticità e alla vulnerabilità sismica dello stadio Franchi. Dalla relazione emerge una situazione estremamente critica. Sono due i punti centrali: il primo è che lo stadio, in questi anni, è stato fruibile grazie agli interventi del comune di Firenze che negli
ultimi dieci anni ha speso in media la bellezza di seicento mila euro all’anno per consentire lo svolgimento delle partite – ha
spiegato Dario Nardella -. D’ora in poi, se guardiamo in prospettiva, la situazione è così critica e difficile per lo stadio che non basta un semplice intervento di manutenzione straordinaria che pure faremo nell’immediato con ulteriori ottocento mila euro di investimento».

campi bisenzio, Dario Nardella, Fiorentina, Rocco Commisso, Stadio Franchi


Ernesto Giusti


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080