Dopo l'allarme al pericolo fascista lanciato da Nardella

Firenze: manifestazione non autorizzata, centro blindato, polizia in assetto sommossa, cariche di alleggerimento

di Paolo Padoin - - Cronaca, Top News

FIRENZE – Numerosi giovani stanno affluendo da via Calzaioli verso Piazza Signoria per partecipare alla manifestazione non autorizzata, prevista per le ore 21, di protesta contro i provvedimenti governativi in tema di Covid-19. Un robusto schieramento della Polizia in assetto antisomossa sta impedendo ogni accesso alla Piazza, come richiesto dal sindaco Nardella.

Già in precedenza, in giornata, dopo gli appelli delle sinistre, c’era già molta tensione in centro;  i commercianti del centro storico erano preoccupati ed anche le boutique, tra cui Prada e Gucci, hanno montato paratie antisfondamento. La protesta, senza organizzatori ufficiali, è stata divulgata via chat con Whatsapp, con un volantino intitolato «Fate girare Firenze».  Per questo il centro storico, tra piazza della Signoria, piazza Duomo e piazza della Repubblica, è stato blindato con un massiccio schieramento di forze dell’ordine.

ARTICOLO IN AGGIORNAMENTO

ORE 21, GIOVANI – I manifestanti urlano rivolti ai poliziotti:  «Noi non siamo fascisti, siamo lavoratori», «Vogliamo lavorare. Siamo alla fame». Quasi tutti i partecipanti sono giovani e indossano felpe con cappuccio e mascherine e issano cartelli. Bloccati dalla Polizia, stanno dirigendosi verso Piazza del Duomo, che è un’altra delle Piazze sorvegliate, insieme a Piazza della Repubblica. Molti dei partecipanti, diventati oltre 300, sarebbero persone colpite e portate alla fame dai provvedimenti del governo giallorosso e del premier Conte, e protestano effettivamente per la loro sopravvivenza e non per motivi politici. Per ora non ci sono stati incidenti.

Ore 22, SCONTRI – Cominciano alcuni scontri intorno a via dei Calzaioli fra manifestanti e Forze dell’ordine. Alcune decine di manifestanti, su circa 300-500 scesi in strada per protestare contro il Dpcm anti-Covid, hanno cercato da via Calzaiuoli di forzare il cordone delle forze dell’ordine a presidio di piazza della Signoria, lanciando oggetti, è scattata una carica di alleggerimento da parte del reparto antisommossa della polizia. I manifestanti sono stati dispersi ma hanno continuato a lanciare bottiglie di vetro all’indirizzo della polizia, che ha risposto con una nuova carica di alleggerimento.

ORE 22,30, CARICHE DELLA POLIZIA – Scontri tra manifestanti e polizia nel centro di Firenze, in Via Calzaioli, tra piazza Duomo, piazza della Repubblica e piazza della Signoria.  Tafferugli tra le forze dell’ordine, in assetto antisommossa, e almeno 300 manifestanti che hanno tentato ancora di raggiungere piazza della Signoria. Dopo una prima carica di alleggerimento le forze dell’ordine, fatte bersaglio del lancio di bottiglie di vetro, di fumogeni ed anche di una bomba carta, hanno disperso nuovamente, con una seconda e una terza carica, i manifestanti, molti dei quali rifugiatisi nelle vie laterali.

Tag:, ,

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail