Maradona: lasciato senza cure per 12 ore. L’accusa dell’avvocato. La sepoltura accanto ai genitori

Folla nell’Avenida de Mayo, di fronte alla Casa Rosada, residenza presidenziale argentina
(Photo by JUAN MABROMATA / AFP)

BUENOS AIRES – La folla fa la fila per rendere omaggio a Diego Armando Maradona, ma sulla sua morte è polemica: il campione sarebbe stato lasciato solo per 12 ore dai sanitari che si sarebbero dovuti prendere cura di lui. Lo sostiene il suyo avvocato. Ma andiamo per ordine: la salma di Maradona sarà inumata oggi nel cimitero Jardin de Bella Vista, dove in passato sono stati sepolti sua madre e suo padre (Do±a Tota, morta nel 2011 e don Diego, deceduto nel 2015). Lo riferisce il portavoce Sebastian Bianchi all’Afp. Creato negli anni ’80, si tratta di un cimitero privato immerso nel verde, a 35 chilometri da Buenos Aires. Alla Casa Rosada, è stata allestita la camera ardente il palazzo presidenziale a Buenos Aires.  Migliaia di persone sono in fila per rendere omaggio al Pibe de oro. Proclamati tre giorni di lutto nazionale in Argentina.

Ma anche la morte Maradona, come detto, sta scatenando polemiche.  Diego sarebbe stato lasciato solo per 12 ore dai sanitari che si sarebbero dovuti occupare di lui. E’ l’accusa lanciata dall’avvocato e cognato del campione, Matias Morla, che posta un duro comunicato su Twitter chiedendo un’indagine approfondita sulla vicenda. «L’ambulanza è arrivata in ritardo di mezz’ora, un’idiozia criminale – attacca il legale, che conclude – Diego è stato un buon figlio, il miglior giocatore del mondo e una persona onesta».

Nelle ore precedenti all’apertura della camera ardente al pubblico, nella sala dove si trovano i resti di Diego Maradona sono entrati i famigliari (la ex moglie Claudia Villafañe e le figlie Dalma e Giannina) e numerosi calciatori ed amici storici del pibe de oro (Carlos Tevez, Martin Palermo, i componenti della nazionale argentina vittoriosa a Messico 1986, e Guillermo Coppola). Nella notte ha soistato nella sala dove dieci anni fa fu reso l’estremo omaggio all’ex presidente Nestor Kirchner, anche l’ultima fidanzata di Maradona, Verónica Ojeda, con il figlio Dieguito Fernando. Il corpo di Maradona non è visibile, la bara risulta chiusa. La famiglia di Maradona non ha fatto richieste particolari per le modalità della cerimonia, indicando solo l’utilizzazione di una bandiera argentina vicino o sopra il feretro.

I medici legali che hanno effettuato l’autopsia sul cadavere di Diego Maradona nell’Ospedale di San Fernando, in provincia di Buenos Aires, hanno diffuso un referto con i risultati del loro lavoro. Il decesso, si legge nel documento, è stato attribuito a insufficienza cardiaca acuta, in un paziente con una miocardiopatia dilatata, insufficienza cardiaca congestizia cronica che ha generato un edema acuto del polmone. Si è infine appreso che lo studio realizzato per determinare le cause della morte sarà completato con analisi tossicologiche che nel giro di una settimana preciseranno se Maradona, prima di morire, ha ingerito farmaci, droghe o alcol.

 

accuse dell'avvocato, Buenos Aires, folla, Maradona, sepoltura


Paulo Soares

redazione@firenzepost.it

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080