La ministra aveva ragione

Lamorgese non era positiva, sbagliato tampone. Ministra vittima del suo governo

ANSA/FABIO FRUSTACI

ROMA – La ministra dell’Interno Luciana Lamorgese «è negativa al Covid. La positività riscontrata nel tampone del 7
dicembre è da attribuirsi ad un evento, raro ma possibile, di errore nella processazione del campione». Lo comunica la direzione generale dell’ospedale Sant’Andrea di Roma. «Successivi due test molecolari per SARS-CoV-2, eseguiti -viene spiegato- nelle giornate del 9 e 10 dicembre, sono risultati negativi. La diffusione della notizia tramite i media della positività riscontrata è antecedente a tali successivi controlli».

Il Ministro dell’interno, Luciana Lamorgese, «non è mai stata positiva al coronavirus. Il test molecolare per SARS-CoV-2 eseguito lunedì scorso, relativo ad un normale controllo periodico, comunicato come positivo, si è rivelato
errato. Lo riferisce il Viminale. «Il fatto che alcuni media abbiano diffuso in tempo reale la notizia della positività al test del Ministro non ha consentito, nell’immediatezza, di eseguire le necessarie ed opportune verifiche sulla attendibilità del risultato dell’esame. La responsabile del Viminale -si legge in una nota- ha ripetuto il test molecolare per SARS-CoV-2 nelle giornate di mercoledì 9 e di giovedì 10. Tutti e due i test sono risultati negativi. Il ministro riprenderà la sua attività istituzionale nella giornata di domani».

Siamo contenti per la salute della nostra ministra, l’amica e collega Luciana Lamorgese, che del resto era stata la prima ad essere stupita dell’esito del tampone, avendo seguito tutte le precauzioni necessarie.

Detto questo non possiamo che esprimere un giudizio negativo su tutto il costosissimo sistema messo in atto dal governo Conte e dai suoi giallorossi per rinchiudere in casa più cittadini possibile, in modo da evitare che la gente esca a protestare, per aumentare il numero di contagi e morti da coronavirus, per mantenere i pieni poteri. Almeno in questo caso il sistema si è dimostrato superficiali, affrettato e tutt’altro che infallibile. Con la conseguenza di ridicolizzare l’azione del governo giallorosso

Se lo sbaglio ha colpito addirittura un ministro dello stesso governo ci chiediamo quanti cittadini normali sono stati costretti a restare in quarantena, a isolarsi per tamponi sbagliati o affrettati? Su questo Speranza e Conte dovrebbero darci una risposta, ma sono troppo affezionati ai pieni poteri per smentire la loro realtà virtuale. L’unico aspetto positivo della vicenda è che sono rimasti in isolamento anche Di Maio e Bonafede.

 

figura di..., Governo, Lamorgese, tampone sbagliato


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080