Firenze, sicurezza: operazioni della Questura, della Polfer e della Polizia postale

ANSA/Marco Ottico

FIRENZE – E’ finito in manette il 7 gennaio un uomo di 51anni originario di Alessandria arrestato dagli agenti della Squadra Mobile di Firenze – Sezione Antirapina mentre usciva da una Chiesa a Coverciano. Intorno alle ore 14.00 di ieri 7 gennaio, gli agenti hanno sorpreso l’uomo, senza fissa dimora, già noto alle Forze di Polizia, mentre stava uscendo da una Chiesa in Via Manni. Già sottoposto all’affidamento ai servizi sociali a dicembre in relazione ad una condanna per rapina, l’uomo è stato disposto nei suoi confronti un aggravamento dal Magistrato di Sorveglianza di Firenze. Lo attende adesso l’espiazione del carcere per condanne per reati contro il patrimonio con fine pena, che a dicembre 2020, era stato previsto per giugno 2021.

Contrasto agli stupefacenti della Polizia di Stato: in poche ore un arresto ed una denuncia in zone diverse della città, Nella tarda mattinata di ieri, un uomo, 42enne originario di Genova, è stato arrestato dalla Polizia di Stato a Rifredi per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Erano da poco passate le 11.30 quando l’uomo è stato controllato a bordo di un’auto dagli uomini della Squadra Mobile di Firenze – Sezione Contrasto al Crimine Diffuso, impegnati in specifico servizio di contrasto agli stupefacenti. In suo possesso sono stati rinvenuti 2.57 gr circa di cocaina ed è scattata la ricerca di ulteriore stupefacente all’interno della sua abitazione. In cucina è stato così scoperto altro stupefacente, suddiviso in involucri, contenenti 45.8 gr circa di cocaina e 841.5 gr circa di marijuana, oltre ad un bilancino di precisione. Ancora, sulla mensola della camera da letto, sono stati rinvenuti oltre 1.100 euro in contanti. L’uomo è finito in manette e associato al carcere di Sollicciano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Nella stessa giornata, intorno alle ore 15.30, in zona Isolotto, un 26enne di origini tunisine, è stato sorpreso dagli uomini della Squadra Mobile mentre cedeva una dose da 0.31 gr circa di cocaina ad un cliente in cambio di alcune banconote. Il 26enne è stato denunciato per spaccio di sostanze stupefacenti.

Compartimento Polizia Ferroviaria per la Toscana 11.014 persone controllate, 23 denunciati, 9 sanzioni amministrative elevate: il bilancio dell’attività della Polizia Ferroviaria nelle stazioni toscane durante le Festività Natalizie

11.014 persone controllate, 23 persone denunciate in stato di liberà, 9 sanzioni amministrative elevate: è questo il bilancio del dispositivo di prevenzione e repressione dei reati messo in campo durante le Festività Natalizie dal Compartimento Polizia Ferroviaria per la Toscana.

775 pattuglie in stazione, 31 pattuglie a bordo treno, 52 servizi di pattuglia sulla linea ferroviaria 55 treni presenziati dalle pattuglie della Polizia Ferroviaria.

Nei primi giorni dell’anno sono stati denunciati in stato di libertà due stranieri per aver rubato un telefono cellulare ad un ignaro viaggiatore mentre saliva su un tram nella fermata antistante la Stazione di Firenze S.M. Novella. Sono state inoltre denunciate 23 persone per vari reati, fra cui la violazione della normativa inerente l’ingresso e il soggiorno nel territorio nazionale, il rifiuto di generalità e la violazione del divieto di rientro.

Durante le festività Natalizie l’attività di prevenzione e repressione dei reati è stata inoltre incentivata tramite mirati servizi straordinari finalizzati al controllo del territorio attraverso l’operazione “Stazioni Sicure”, tesa al contrasto delle attività illecite maggiormente ricorrenti in ambito ferroviario con 49 pattuglie impiegate e 1.000 persone controllate.

Polizia Postale Lo scorso 28 dicembre, come riporta nota ufficiale della compagnia HO.MOBILE, si sarebbe verificata la sottrazione illegale di alcuni dati di parte della sua base clienti, in particolare, dei soli dati anagrafici e tecnici della SIM, mentre non sarebbero stati sottratti in alcun modo dati relativi al traffico (sms, telefonate, attività web, etc) né dati bancari o relativi a qualsiasi sistema di pagamento dei propri clienti. Conseguentemente l’azienda starebbe provvedendo a contattare i clienti coinvolti con SMS.
La Polizia Postale di Firenze consiglia a chi riceve la comunicazione dall’azienda di provvedere subito alla sostituzione della SIM card e a presentare, se ritenuto opportuno, un esposto.

 

Firenze, operazioni, Polizia

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080