Musei, Toscana: molti riaprono dal 18 gennaio, la situazione nelle varie città

Con la Toscana in zona gialla c’è la possibilità di riapertura dei musei, come ha annunciato trionfante il Ministro Franceschini e come hanno confermato, petto in fuori, il sindaco Nardella e l’assessore Sacchi. Infatti i musei civici fiorentini sono pronti a riaprire. Ma ecco la situazione delle principali istituzioni in Toscana:

FIRENZE – I musei civici fiorentini riaprono lunedì prossimo, 18 gennaio. Dopo il via libera del Governo, il Comune di Firenze è pronto ad accogliere di nuovo i visitatori. Tra gli istituti statali invece il primo a esordire sarà il Museo del Bargello con le Cappelle Medicee e Palazzo Davanzati. A seguire il giorno successivo Boboli e il 21 San Marco. Uffizi, Galleria dell’Accademia e Palazzo Pitti invece hanno ancora bisogno di tempo.

GROSSETO – Da lunedì riaprono i musei a Grosseto. Il Museo archeologico e d’arte della Maremma, il Museo di Storia naturale e il Polo culturale delle Clarisse sono pronti ad accogliere i visitatori. Al Polo culturale delle Clarisse si potranno visitare il museo Collezione Luzzetti, la mostra su Botticelli che è stata prorogata fino al 21 marzo, la mostra Arcana Lux e la mostra su Lucio Pari.

PRATO – riapriranno i Musei di Prato con ingresso gratuito per le prime due settimane, salvo la mostra temporanea ‘Protext!’ del Museo Pecci a prezzo ridotto. Resteranno chiusi sabato e domenica, secondo le nuove decisioni governative. Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Museo del Tessuto, Museo di Palazzo Pretorio e Musei Diocesani (esclusi gli affreschi del Lippi in Cattedrale) torneranno ad accogliere il pubblico rendendo nuovamente visibili le collezioni permanenti e le mostre temporanee, ciascuno osservando gli orari e i giorni di chiusura ordinari, definiti prima dell’ultima chiusura.

LIVORNO – Sarà di nuovo possibile visitare la mostra ”Vissi d’Arte” al Museo della Città a Livorno. Sarà anche nuovamente visitabile la sezione arte contemporanea del Museo della Città di Livorno nel complesso Bottini dell’Olio, nonché il Museo civico ”G.Fattori a Villa Mimbelli (da martedì 19 gennaio)

ALTRI – Dopo il via libera del Governo, il Comune di Pietrasanta è già pronto a riaprire due dei suoi principali spazi culturali durante i giorni feriali così come previsto dal nuovo Dpcm. Il Museo dei Bozzetti, ospitato nel Chiostro di S. Agostino, sarà aperto il lunedì dalle 14.00 alle 19.00 e dal martedì al venerdì dalle9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 19.00 mentre la Casa Museo Carducci il martedì dalle 9.00 alle 12.00. Riapertura il 18 gennaio anche per il Maec di Cortona (Arezzo) che per l’occasione offre una giornata di visite guidate gratuite, su prenotazione.

Tra quelli che non riapriranno ci sono la parte museale del Duomo di Siena e la Torre di Pisa.

 

musei, riapertura, Toscana


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080