La prossima tappa della vicenda

Zaki: nuova domanda di libertà presentata dai difensori, decisione il 28 febbraio

 ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

IL CAIRO – E’ stata fissata per domenica 28 febbraio la prossima udienza per il rinnovo della detenzione di Patrick Zaki, lo studente dell’Università di Bologna detenuto in Egitto da oltre un anno perché accusato di propaganda sovversiva. Lo rende noto la rete degli attivisti per la sua liberazione, che ha diffuso una dichiarazione del team dei legali che lo difendono. «Presenteremo alla corte – annunciano i legali – documenti che provano le condizioni di salute di suo padre, così che il suo ricovero in ospedale venga preso in considerazione». Ma soprattutto, il team chiede il suo rilascio «poiché non esiste nessuna base legale che giustifichi la detenzione preventiva. Patrick è detenuto nella prigione di Tora da più di un anno e viene tenuto in detenzione preventiva senza accuse chiare e con un verbale d’arresto falsificato, per questo continuiamo a richiedere l’immediato rilascio di Patrick». I legali e le associazioni pro Zaki le studiano di tutte, ma la magistratura egiziana finora ha tenuto duro.

Cairo, udienza, Zaki

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080