Skip to main content

Anno san Giuseppe: messa Cardinal Betori nella chiesa dedicata al Santo e celebrazione a San Lorenzo

FIRENZE – Nel giorno dedicato a San Giuseppe,  venerdì 19 marzo,  l’arcivescovo di Firenze, card. Giuseppe Betori, ha presieduto la messa nella chiesa di San Giuseppe (via delle Casine, 9). Attingendo alla lettera apostolica “Patris corde” che Papa Francesco ha dedicato a San Giuseppe, Betori si è soffermato sui sogni del padre putativo di Gesù, non “un’evasione dalla realtà”, ma “lo spazio della coscienza in cui non si pretende di decidere tutto da noi, ma ci si lascia illuminare” da Dio.

Il primo “a cui San Giuseppe si affida è quello che gli permette di guardare con occhi nuovi la sua promessa sposa e di scorgere in lei un mistero più grande di quello che occhi umani potevano immaginare”, spiega l’arcivescovo. Il successivo “gli chiederà di prendere il bambino e sua madre e di fuggire in Egitto, per sfuggire alle minacce di Erode. C’è nel gesto di Giuseppe e nella condizione in cui la sua piccola famiglia si viene a trovare – osserva Betori – tutta la sofferenza che la precarietà proietta sulle famiglie nel mondo, da quella che tutti stiamo sperimentando di fronte a un virus che non si lascia domare, se non appunto nella custodia che ci prendiamo gli uni degli altri, fino alla tragedia dei profughi che mettono a repentaglio la loro vita per dare a essa un futuro più umano”. Il terzo sogno, prosegue, “chiede a Giuseppe di tornare nella terra d’Israele, ma nel tragitto ancora un sogno ne corregge l’itinerario e lo spinge oltre la Giudea, verso la Galilea, fino a Nazareth”.

Infine, con un pensiero all’Anno Famiglia Amoris Laetitia istituito dal Papa che si apre oggi, Betori ha concluso: “In un mondo che fa del possesso il metro di giudizio della vita dell’uomo”, il Pontefice “ci invita e vivere a partire da oggi, per ricollocare la missione della famiglia in un orizzonte di pienezza umana e di fede”.

 

 

 

 

SAN LORENZO – Nella chiesa di San Lorenzo, in una cappella laterale,  esiste un quadro che rappresenta San Giuseppe mentre lavora nella sua bottega di falegname con accanto Gesù ancora bambino. Il quadro è di Pietro Annigoni.

Per questo anche la basilica e l’Opera medicea laurenziana hanno celebrato con una messa solenne, officiata dal priore Mons. marco Domenico Viola, quale inizio dell’anno dedicato a San Giuseppe. Nella cappella, accanto al quadro del Maestro, sono stati posti tre disegni preparatori dello stesso Annigoni, gentilmente concessi dalla vedova, dr.ssa Rossella, che resteranno in Basilica fino all’8 dicembre. Durante questo periodo saranno organizzati, non appena possibile e permesso dalle disposizioni governative, incontri e conferenze in merito a San Giuseppe e all’opera del Grande Maestro. Ne sarà data tempestiva comunicazione.

Betori, san giuseppe, san lorenzo

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741