Covid: ok del Cdm al nuovo decreto. Niente zone gialle in aprile. Si a deroghe per riaperture

ANSA / CESARE ABBATE

ROMA – Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al nuovo decreto legge Covid. Nessuna zona gialla fino al 30 aprile. Nel testo approvato oggi, 31 marzo, restano i divieti in vigore: bar e ristoranti chiusi, così come piscine e palestre. Si torna a scuola in  presenza, ma solo fino alla prima media. Saranno possibili deroghe per riaperture ma solo se ci saranno svolte positive nell’andamento dell’epidemia e nelle vaccinazioni.

E’ questo il meccanismo che permetterà di allentare le restrizioni, venuto fuori dopo un braccio di ferro fra rigoristi er aperturisti (in prima fila la Lega di Salvini). Infatti,come detto, dal 7 al 30 aprile tutt’Italia sarà in zona arancione o rossa, ma se ci saranno regioni con dati da zona gialla, il governo potrà valutare un allentamento delle misure che potrà consentire la riaperture di bar e ristoranti con servizio al tavolo, ma soltanto a pranzo. Naturalmente, regioni così virtuose dovranno essere in regola con il piano dei vaccini e con la protezione di persone anziane e fragili.

consiglio dei ministri, decreto Covid, deroghe


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080