Le richieste della Cgil

Landini (Cgil): blocco licenziamenti esteso fino a ottobre

Il segretario Cgil Maurizio Landini, ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA – La Cgil insiste sul blocco dei licenziamenti. Le richieste al governo in tema di lavoro sono state illustrate dal segretario generale Landini: «Sulla questione del lavoro chiediamo che ci sia un intervento sul blocco dei licenziamenti: è necessario avere una data unica e quindi portare dal 30 giugno al 31 ottobre lo stop per tutti. E’ importante, siamo ancora dentro l’emergenza. Così il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, in audizione sul decreto sostegni presso le commissioni riunite Bilancio e Finanze del Senato.

«Contemporaneamente è aperto il confronto sulla riforma degli ammortizzatori sociali. Avere questo periodo che evita di aprire la strada ai licenziamenti credo sia un tema importante», ha rimarcato Landini. Il segretario generale della Cgil ha inoltre ribadito che non ci convince il condono fiscale: esiste il problema del cosiddetto magazzino ma un conto è cancellare ciò che è realmente irrecuperabile, altro è arrivare a forme che assumono carattere di condono fiscale. Lotta all’evasione ed una vera e propria riforma del fisco sono l’esigenza che poniamo, il tema che deve essere aperto: non può essere che chi paga le tasse debba sentirsi un cittadino di serie B o poco furbo, ha detto.

 

cgil, Landini, licenziamenti


Ezzelino da Montepulico


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080