La singolare disposizione che provoca non pochi dubbi

Vaccini: Astrazeneca sospeso per militari e forze ordine. Ma Speranza insiste: è sicuro

Il ministro Roberto Speranza (Fioto ANSA)

ROMA – Da oggi è sospesa, sembra momentaneamente, la vaccinazione con Vaxzevria (AstraZeneca) per i militari e le forze dell’ordine in Italia, fino a nuova disposizione. E’ quanto prevede una comunicazione interna che l’agenzia Adnkronos ha avuto modo di visionare. Questa l’ultima news che riguarda il vaccino anti-covid, sotto la lente per le segnalazioni di rari casi di trombosi. E’ tuttavia singolare che si decida di sospendere il vaccino per chi è in divisa e lo si continui a somministrare a tutti gli altri cittadini. Perchè? Il ministro Speranza dice che Astrazeneca è sicuro. Ma la sospensione per militari e forze dell’ordine ha il potere di provocare non pochi dubbi e sospetti. Il generale Figliuolo che dice?

Il documento fa seguito all’ultima direttiva della struttura del commissario per l’emergenza Covid che prevede per le somministrazioni la procedura per fasce d’età e non più per attività lavorativa svolta. Nel documento si precisa che «le dosi attualmente non utilizzate dovranno essere conservate e somministrate esclusivamente come seconda dose».

Mentre si conferma «la prosecuzione delle attività di somministrazione dei vaccini Pfizer e Moderna limitatamente al personale sanitario e al personale a cui è stata già inoculata la prima dose».

Oggi il ministro della Salute Roberto Speranza ha ribadito che il vaccino AstraZeneca è efficace e sicuro. Ma intanto la stessa casa produttrice ha adottato autonome misure di cautela. Ma per il governo si può utilizzare a utilizzare il vaccini per i vecchi, dai 70 ani in su. Molti malignamente pensano che in fondo si risparmia sulle pensioni. E Andreotti diceva, a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca. «Su 32 milioni di vaccinazioni effettuate e 222 segnalazioni sono stati registrati 86 eventi avversi e, di questi, 18 sono risultati fatali», ha detto Speranza  riferendosi al vaccino che, dopo le segnalazioni relative a rari casi di trombosi, in Italia è stato raccomandato per gli over 60. Chi ha ricevuto la prima dose AstraZeneca riceverà anche la seconda dose dello stesso farmaco. Ci sono studi e ricerche autorevoli che, a mio avviso, rischiano però di non essere sufficienti a dissipare i dubbi che in questi giorni tormentano tante persone. Dinanzi ai dubbi l’arma più efficace è la trasparenza», ha affermato.

«In questa lotta contro il tempo è fisiologico che dopo milioni di inoculazioni l’utilizzo di un vaccino possa essere rimodulato, e ciò è necessario per un principio di precauzione. AstraZeneca, come tutti gli altri, è efficace e sicuro e salva la vita delle persone, come dimostrano i risultati sul campo in Gran Bretagna. Ci sono stati ritardi inaccettabili nelle consegne che ci servono», ha sottolineato Speranza.

Astrazeneca, speranza, vecchi


Ezzelino da Montepulico


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080