Vaccini: Ema indaga su possibili effetti collaterali Pfizer

ROMA – Dal report dell’ultima riunione degli esperti dell’Ema è emerso che il Prac, il comitato di farmacovigilanza dell’agenzia, sta approfondendo alcune segnalazioni di casi di miocardite e pericardite che sarebbero emersi in soggetti che avevano precedentemente ricevuto i vaccini anti-Covid a mRna, in particolare quello di Pfizer. Secondo quanto riferisce l’Adnkronos, per l’Agenzia europea dei medicinali non ci sono indicazioni che questi casi siano dovuti al vaccino, ma sono in corso degli accertamenti.

Il Prac avrebbe quindi chiesto all’azienda farmaceutica Pfizer ulteriori dati dettagliati, inclusa un’analisi degli eventi in base all’età e al sesso, nel contesto del prossimo rapporto di sicurezza, che potranno servire a fare chiarezza su questo possibile effetto collaterale. Una richiesta simile è stata inoltrata anche a Moderna, l’azienda che ha prodotto l’altro vaccino a mRna.

Per quanto riguarda il rischio di trombosi, associato perlopiù ai vaccini Vaxzevria di AstraZeneca e Janssen di Johnson & Johnson, l’Ema spiega che sono stati segnalati solo pochi casi di coaguli di sangue con piastrine basse dopo i vaccini a mRna; in relazione all’elevato numero di persone che li hanno ricevuti si tratta di numeri estremamente bassi. In conclusione, le prove attuali non suggeriscono una relazione causale.

effetti collaterali, Pfizer, vaccino

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080