Funivia Stresa: Eitan salvato dal sacrificio del padre. Indagine per disastro

Il piccolo Eitan con il babbo e la mamma periti nella tragedia della funivia Stresa-Mottarone (Foto ANSA)

ROMA – In un telegramma al vescovo di Novara, il Papa «partecipa in modo particolare all’afflizione della comunità locale e della diocesi di Novara, e si stringe all’amato popolo italiano, sgomento per la grave tragedia». Il Papa esprime grande dolore per il drammatico incidente  della funivia Stresa-Mottarone ed esprime ai familiari delle vittime vicinanza e sentito cordoglio. «Pensando con commozione a tante vite tragicamente spezzate mentre erano immerse nella meraviglia del creato, assicura la preghiera per quanti sono scomparsi, per chi li piange e per il piccolo Eitan, la cui delicata vicenda segue con trepidazione».

C’e un cauto ottimismo per Eitan, cinque anni, l’unico sopravvissuto della strage della funivia di Stresa-Mottarone e ricoverato all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino. Resta molto grave, ma la risonanza di ieri pomeriggio non ha evidenziato danni neurologici a livello celebrale né del tronco encefalico. Un esito che induce i medici ad avere più speranze sulle possibilità di recupero. A quanto si apprende il bimbo non avrebbe subito traumi al volto e non darebbe l’idea di essere precipitato nella cabina da una quindicina di metri. Si fa così strada l’ipotesi che il padre, per proteggerlo e farlo sopravvivere, al terribile impatto l’abbia abbracciato, sacrificandosi per attutire, al figlio, il drammatico impatto dell’impatto della cabina della funivia con la terra e gli alberi. Un ultimo atto d’amore. Come è un gesto d’amore quel peluche che una madre ha lasciato in ospedale per il bambino. Con un biglietto: «Ti lascio il pupazzo di mio figlio per giocare e dormire con lui. Ti voglio bene». Firmato: una mamma.

Intanto la Procura di Verbania procede sull’ipotesi di disastro. Cavo tranciato e mancato funzionamento del sistema frenante di sicurezza. Sono questi i due punti cardine dell’indagine per accertare le cause della tragedia della funivia del Mottarone in cui domenica hanno perso la vita 14 persone, tra cui due bambini di due e cinque anni. Unico sopravvissuto il fratellino di quest’ultimo, ora ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale Regina Margherita di Torino.

 

abbraccio del padre, Eitan, indagine per disastro, Papa Francesco, procura di Verbania


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080