Vertice Ue ministri interni: immigrazione e sicurezza, Lamorgese chiede solidarietà e responsabilità agli altri Stati

 Lamorgese –
@Viminale

ROMA – Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha partecipato a Brdo al primo Consiglio Giustizia Affari Interni sotto la Presidenza slovena. Durante il vertice, la titolare del Viminale ha sottolineato, si legge in una nota, con riferimento ai negoziati sul Patto europeo su migrazione e asilo, come per l’Italia sia essenziale raggiungere un compromesso equilibrato sugli aspetti di solidarietà e responsabilità che costituiscono il nucleo centrale del nuovo sistema di gestione dell’immigrazione, attorno al quale ruotano tutte le altre misure.

In tal senso, nel ricordare che le proposte attualmente in discussione appaiono sbilanciate, poiché prevedono forme di responsabilità degli Stati più esposti molto stringenti e dettagliate, mentre la solidarietà rimane indefinita, ha evidenziato come l’Italia abbia assunto sempre un approccio propositivo e pragmatico e occorra avere il coraggio di mettere sul tavolo nuove soluzioni che siano sostenibili per tutti gli Stati membri, a prescindere dalla loro collocazione geografica.

Tra i temi affrontati a Brdo vi è stata la lotta alla criminalità nell’era digitale. Sul punto, il ministro Lamorgese ha segnalato la necessità di dotare le Forze di Polizia di strumenti avanzati, idonei al contrasto di ogni forma di aggressione criminale on line. Occorrono – ha aggiunto la titolare del Viminale – maggiori investimenti tecnologici ed un forte impegno sul lato della formazione degli operatori di polizia per rafforzare l’attività di prevenzione del fenomeno.

immigrazione, Lamorgese, Sicurezza, ue


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080