Oim condanna Libia, ha intercettato 1.500 migranti. Ma non agisce per limitare le cause

EPA/YARA NARDI / ITALIAN RED CROSS

TUNISI – «Negli ultimi tre giorni, più di 1.500 migranti sono stati intercettati dalle autorità libiche» .  E’ quanto scrive su Twitter la portavoce di Un Migration-Oim, Safa Msehli, aggiungendo criticamente «il Mediterraneo è uno degli esempi più tristi di risposte inefficaci e disumane alle migrazioni». Da lungo tempo infatti le Organizzazioni internazionali si dimostrano contrarie al fatto che la Guardia costiera di Tripoli riporti in Libia le persone intercettate in mare, poiché a loro dire i centri di accoglienza libici non tutelano a sufficienza i diritti umani.

Peccato che queste ineffabili e inutili organizzazioni internazionali siano capaci soltanto di indirizzare critiche agli Stati e non facciano assolutamente niente per alleviare il fenomeno delle migrazioni di massa, causa prima dei fatti oggetto delle critiche della portavoce Oim. Tanto che, parafrasando la sua frase critica si potrebbe affermare, senza tema di smentita che Oim è uno degli esempi più evidenti  dell’inutilità delle costose organizzazioni internazionali.

Libia, migranti, Oim


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080