Afghanistan: portavoce talebani, chi fugge farà cuoco o lavapiatti in America

KABUL – Il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid, in un’intervista al New York Times, nega le accuse secondo cui i talebani hanno cercato ex interpreti e altri afgani che lavoravano per l’esercito americano e afferma che sarebbero stati al sicuro nel loro paese, puntando il dito contro l’evacuazione del paese portata avanti dagli Occidentali: «Non dovrebbero interferire nel nostro paese e togliere le nostre risorse umane: medici, professori e altre persone di cui abbiamo bisogno qui. In America, potrebbero diventare lavapiatti o cuochi. È disumano».

America, portavoce, talebani


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080