Russia elezioni: partito Putin al 40% secondo i primi scrutini

EPA/MAXIM SHIPENKOV

MOSCA –Secondo i risultati ancora preliminari dello scrutinio del voto in Russia, il partito al potere Russia unita
mantiene la maggioranza dei due terzi della Duma. Il segretario generale del partito, Andrei Turchak ha reso noto che il partito ha preso più del 40 per cento del voto di lista che porta 120 deputati e i candidati che fanno capo al partito hanno vinto 196 seggi nel voto a maggioranza secca.

Ma più che il risultato finale, mai veramente in dubbio, sono le sfumature a contare nella Russia di oggi. Perché un conto è il listone nazionale, dove si votano i partiti e ‘vale’ 225 seggi, un altro la fetta di maggioritario (i restanti 225). Insieme compongono i 450 deputati della Duma, la camera bassa del Parlamento. E sarà interessante vedere chi nei collegi uninominali riuscirà a spuntarla, se tra loro ci saranno nomi ‘scomodi’ o figure innocue. È qui che si vedrà se il voto intelligente di Alexei Navalny ha avuto un impatto.
Andate a votare, non siate pigri, ha incalzato l’oppositore dal carcere. Il timore, però, è che la pigrizia conti poco. In tutto il Paese si sono moltiplicate le denunce di brogli, con tanto di video online in cui si vedono tutti i trucchi usati per infarcire le urne di voti (per Russia Unita). Per le autorità sono ‘fake’ e la Commissione Elettorale Centrale ha parlato di 12 irregolarità in otto regioni. Niente. L’ong Golos, che monitora il corretto svolgimento del processo elettorale, ha invece tracciato migliaia d’infrazioni. Ma Golos è stata bollata come agente ‘straniero’ e accusata di voler screditare le elezioni. La gente, ai seggi, non a caso è pessimista.

A Mosca sono scattati i fermi contro chi si è azzardato a scendere in piazza con anche solo un cartello in mano (è successo a piazza Pushkin). Forse spiega perché il voto online, nelle regioni dove è stato ammesso, ha spopolato: a Mosca oltre 2 milioni di persone si sono registrate e lì l’affluenza supera il 96% (quella generale nazionale è invece intorno al 45%).

Ma resta il dubbio della regolarità. I critici di Putin sostengono che il voto digitale sia solo un mezzo in più per poter ‘taroccare’ il risultato. Yulia Navalnaya, la moglie di Alexei, a votare ci è andata di persona e, su Instagram, ha incoraggiato i suoi compatrioti a fare altrettanto. Ogni scheda conta, non credete a chi vi dice che non serve a niente… serve, invece. E votate saggiamente.

Ecco, se lo Smart Vote avrà avuto un impatto o meno si capirà meglio nei prossimi giorni: circa il 69% delle indicazioni di Navalny sono a vantaggio del Partito Comunista. Il suo immarcescibile leader, Gennady Zyganov, è arrivato a dire che il voto più intelligente è dunque per il suo partito. Di certo c’è che sull’operazione si è abbattuta la censura digitale di Big Tech, che alla fine ha capitolato alle pressioni e ha rimosso app e link pubblicati da Navalny. Google, Apple, persino la libertaria Telegram hanno piegato il capo – solo Twitter sembra aver tenuto la schiena dritta.

Ovviamente sul voto per Putin si addensano i dubbi della comunità della sinistra internazionale, su quello per Biden, a suo tempo, i dubbi sul voto per corrispondenza o online sono subito scomparsi, quando ci sono di mezzo le sinistre i brogli non possono esistere, tutto regolare. E’ il politicamente corretto della sinistra internazionale….

elezioni, putin, Russia


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080