Economia italiana vitale: lo afferma Visco, governatore Bankitalia

Il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco

ROMA – L’economia italiana nonostante le debolezze in moltissimi campi, ha mostrato di essere vitale e vediamo un’uscita da questa recessione anche superiore alle attese e le stime di inizio anno. Lo ha affermato il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco in un’intervista a Rai Istituzioni.

Visco ha citato la risposta in termini di produzione, consumo e investimenti che fa ben sperare nella ripresa in corso. Il rialzo dei prezzi è temporaneo e secondo le stime della Bce dopo un aumento dell’indice dell’inflazione oltre il 2% nel 2021 “nel 2022 si scenderà al di sotto” di tale soglia, ha aggiunto Visco, il quale ha sottolineato il fatto che i rialzi siano dovuti anche all’incremento di petrolio e gas che sono già avvenuti e che si stanno trasferendo nei prezzi dei beni che usiamo tutti i giorni. Non ci sono – ha detto ancora – fattori che spingono verso un rialzo permanente.

Il sistema di sostegni ai lavoratori ha permesso di limitare la caduta dei redditi disponibili durante la crisi Covid  bisogna continuare a sostenere coloro che sono in difficoltà ma ora c’è bisogno di un sistema di ammortizzatori sociali più organico, ha ribadito il governatore, sottolineando inoltre come ci sia bisogno di migliorare o acquisire nuove competenze per fare lavori nuovi in settori nuovi.

Visco ha rilevato come, a differenza di altre crisi, grazie alle misure di sostengo pubblico di fronte a una caduta del pil del 9%, il reddito disponibile non ha avuto un’eguale caduta. Inoltre dopo la crescita ‘forzata’ del risparmio complessivo, a causa dei lockdown e dei timori e incertezze per il futuro, ora c’è la tendenza a usare quei risparmi frutto anche delle misure di sostegno per maggiori consumi e questo fa ben sperare perchè su questa base si decidono gli investimenti delle imprese.

bankitalia, economia, Visco

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080