Gravina: Daspo a vita ai razzisti negli stadi, Europeo del 2028 si propone l’Italia

Il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina (Foto ANSA)

ROMA – «Sono immagini eloquenti. Hanno ragione tutti coloro che ritengono che i soggetti che vengono individuati, e abbiamo i mezzi per farlo come dimostrano i casi di Firenze, Roma e Torino, devono stare fuori dagli stadi in maniera definitiva, con un Daspo a vita. E questo si puo’ fare, noi l’abbiamo attivato come meccanismo cercando di spostare quella che era una responsabilita’ oggettiva, che penalizzava la maggior parte dello stadio, a una responsabilita’ individuale. E abbiamo inserito una norma delle esimenti e delle attenuanti che sta dando risultati
importanti: attraverso questa norma la societa’ si puo’ sgravare collaborando, si puo’ fare. Abbiamo la tecnologia a disposizione. Basta prendere i singoli soggetti, espellerli dagli stadi e non farli piu’ rientrare». A dirlo, parlando del problema razzismo negli stadi, il presidente della Figc Gabriele Gravina, che ha aggiunto: «L’Europeo del 2028 in Italia? Coltivo i sogni e cerco di realizzarli. Qualcuno mi sembra di averlo gia’ realizzato. Mi auguro di far diventare questo sogno realta’ per il bene del calcio italiano»

 

gravina. daspo, stadi


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080