Bce: proroga acquisti Pepp fino a marzo 2022, legati a contenimento pandemia

EPA/ARMANDO BABANI

FRANCOFORTE – La Banca centrale europea proseguirà a emanare i Pepp e lascia, come atteso, i tassi d’interesse fermi: il tasso principale rimane a zero, il tasso sui depositi a -0,50% e il tasso sui prestiti marginali a 0,25%. Lo comunica la Bce dopo la riunione di politica monetaria.

«Il Consiglio direttivo della Bce seguiterà a condurre gli acquisti netti di attività nell’ambito del Pepp, con una dotazione finanziaria totale di 1.850 miliardi di euro, almeno sino alla fine di marzo 2022 e, in ogni caso, finché non riterrà conclusa la fase critica legata al coronavirus. Il Consiglio continua a ritenere che possano essere mantenute condizioni di finanziamento favorevoli con un ritmo degli acquisti netti di attività nel quadro del PEPP moderatamente inferiore rispetto al secondo e al terzo trimestre dell’anno. Inoltre La Bce conferma che l’intera dotazione del Pepp non necessariamente dovrà essere utilizzata appieno. L’economia dell’area euro continua a crescere con forza” anche se le strozzature all’offerta sui mercati globali rappresentano un fattore di rallentamento: in ogni caso l’inflazione, attesa in ulteriore rialzo nei prossimi mesi, nelle attese della Bce scenderà nel corso del 2022». Lo ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde nella conferenza stampa al termine del Consiglio direttivo.

Le strozzature nel commercio globale stanno offuscando le prospettive per l’attività economica nei prossimi trimestri, e il rialzo dei prezzi energetici potrebbe ridurre il potere d’acquisto nei mesi , ha aggiunto Lagarde nella conferenza stampa al termine del Consiglio direttivo.

 

Bce, pepp, proroga

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080