Skip to main content

Week end 27-28 novembre: Firenze Marathon, spettacoli, eventi

La Firenze Marathon, che parte e arriva in Piazza del Duomo

Fra gli eventi del week end: la Firenze Marathon, tre concerti di rilievo agli Amici della Musica, Marivaux alla Pergola, gli altri spettacoli di prosa, l’inaugurazione della ruota panoramica alla Fortezza, il Festival giapponese a Scandicci.

Domenica 28 è il giorno della Firenze Marathon 2021, con 4.500 iscritti, che parte da Piazza Duomo e si snoda su questo percorso. Quest’anno, per via della pandemia, non è prevista la “gara” per famiglie. La corsa tocca il centro storico, il parco delle Cascine, l’Oltrarno, i viali di Circonvallazione e lo stadio di atletica di Campo di Marte. Attenzione ai divieti di sosta fin dalla sera prima! Inoltre sabato ci sarà l’Expo Maraton (viale Malta 10, Palazzina Militare Barbasetti di Prun), il villaggio dedicato al podismo per ritirare il pacco gara e visitare gli stand promozionali. Durante la mattinata di domenica ci saranno molte modifiche alla viabilità. Dalle ore 8.30 alle 9.30 di domenica 28 novembre i convogli della T2 faranno capolinea alla fermata Ponte all’Asse, vicino via Gordigiani, e non passeranno da 4 fermate: Redi, Belfiore, Rosselli e Unità.

Sabato 27 alla Fortezza da Basso si inaugura la nuova ruota panoramica; ai giardini della Fortezza c’è anche il Florence Ice Village, con la pista di pattinaggio su ghiaccio.

Per gli Amici della Musica di Firenze, sabato 27 alle 16 al Teatro della Pergola (via della Pergola 18), si esibirà un ottetto d’eccezione: col Quatuor Modigliani ci saranno Sabine Meyer al clarinetto, Bruno Schneider al corno, Dag Jensen al fagotto e Knut Erik Sundquist al contrabbasso, per eseguire il Quartetto op. 11 in mi maggiore  D. 353 e l’Ottetto in fa maggiore per fiati e archi D.803 di Franz Schubert (che hanno anche inciso). Domenica 28 alle 21 al Saloncino della Pergola si esibiranno The Tallis Scholars, uno dei più celebri ensemble vocali al mondo, che renderanno omaggio al genio della polifonia Josquin Desprez nell’anno del cinquecentesimo anniversario della sua morte. Brano di punta del programma sarà la Missa Hercules Dux Ferrarie, di cui nel 2020 l’ensemble ha pubblicato una registrazione (naturalmente per l’etichetta Gimmel, che dal 1980 si dedica esclusivamente alla pubblicazione delle loro incisioni). L’album è l’ultimo capitolo di una serie di nove, in cui The Tallis Scholars si sono impegnati a registrare e pubblicare tutte le messe di Josquin prima dell’importante anniversario del 2021. L’album ha ricevuto il premio “Recording of the year” 2021 dal BBC Music Magazine ed è vincitore del Gramophone Early Music Award 2021. Annullato per problemi di salute di uno dei componenti, invece il concerto del l’Hagen Quartet lunedì 29. I biglietti per tutti i concerti degli Amici della Musica fino al 19 dicembre sono in vendita presso il Teatro della Pergola nei nuovi orari della biglietteria (dal martedì al sabato ore 10-19 / domenica ore 10-13) e online su TicketOne. Il calendario completo è online su www.amicimusicafirenze.it

Al Teatro della Pergola da martedì 23 a domenica 28 novembre debutta La seconda sorpresa dell’amore di Pierre de Marivaux, tradotto e diretto da Beppe Navello. In scena ci sono Daria Pascal Attolini, Marcella Favilla, Lorenzo Gleijeses, Fabrizio Martorelli, Stefano Moretti, Giuseppe Nitti. Per la prima volta in italiano. Biglietti da 19 a 40 euro. È attivo il Servizio Cortesia, per informazioni e vendite telefoniche, negli stessi orari della biglietteria al numero 055.0763333. Acquisto nei punti vendita BoxOffice e online sul sito TicketOne 

Dal grande schermo al teatro. Pietra miliare nell’esperienza di migliaia di persone in tutto il mondo, L’Attimo fuggente è sabato 27 alle 19.30 e domenica 28 alle 16 al Teatro Niccolini (via Ricasoli 3). A vestire i panni del carismatico professor Keating – nel film il compianto Robin Williams – è l’attore Ettore Bassi, affiancato da Matteo Vignati, Matteo Napoletano, Matteo Sangalli, Marco Massari, Mimmo Chianese, Alessio Ruzzante, Leonardo Larini, Edoardo Tagliaferri e Sara Giacci. Regia di Marco Iacomelli, che ha curato anche la traduzione del soggetto originale di Tom Schulman. Biglietti posti numerati 17/20/27 euro. Prevendite sul sito ufficiale www.teatroniccolini.com, su www.ticketone.it e nei punti prevendita di Box Office Toscana. Sconto per soci Coop, under 21 e over 65.

Al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303) sabato 27 alle 17.30 e alle 21 e domenica alle 16.30 c’è Le mille e una Bruna, il nuovo spettacolo di e con Alessandro Riccio e Alberto Becucci in prima nazionale. Dopo il coup de théâtre nel finale del primo capitolo (Bruna è la notte), la vecchia cantante dal passato turbolento e il suo riservato e paziente pianista hanno da vivere una nuova storia: un impresario è interessato alla Signora di San Frediano, vuole scritturarla per degli spettacoli. Riuscirà la debordante Bruna a non metterlo in fuga con la sua debordante vitalità e le sue battute al vetriolo? E sarà vero che un tempo calcava, da vera diva, gli scintillanti palchi della Versilia, e che usciva con Domenico Modugno e cantava con Aretha Franklin? Una commedia-concerto lirica e sboccata, amara e leggera, piena di saggezza ma soprattutto di musica, dai Platters a Gabriella Ferri. Ingresso intero € 16, ridotto € 14; “Gruppi a Rifredi”: info e prenotazioni: 055/422.03.61 – www.toscanateatro.it Circuito TicketOne online https://bit.ly/LeMilleBruna_ticket

Alla Manifattura Tabacchi domenica 28 alle 21, per il Contempoartefestival, Nicola Sani per Dante. Conversazione con Nicola Sani e concerto. Musiche di Sani e Mendelssohn con I Solisti del ContempoArtEnsemble: Matteo Fossi pianoforte, Duccio Ceccanti violino, Vittorio Ceccanti violoncello.  € 10 intero, € 5 ridotto under25, omaggio under12. Prenotazione obbligatoria tramite messaggio Whatsapp o SMS al numero 327 9344731 oppure via e-mail a prenotazioniplayout@gmail.com scrivendo nome, cognome, recapito telefonico ed email dei partecipanti.

La Compagnia Giardino Chiuso va in scena al PARC di Firenze – Ex scuderie granducali (Piazzale delle Cascine 7) sabato 27 alle 19 e domenica 28 alle 17 con Inverno, coreografia di Patrizia de Bari, danzata da Françoise Parlanti; musica originale per violoncello della canadese Julia Kent, drammaturgia di Tuccio Guicciardini; elemento scenico e  live  visual Andrea Montagnani, luci Mario Mambro, foto di scena Francesca Di Giuseppe, Francesco Spagnuolo; coproduzione di  Giardino Chiuso/Orizzonti Verticali, Fondazione Fabbrica Europa. Inverno si addentra nelle tematiche e nelle suggestioni legate a questa stagione della natura mettendole in relazione alla stagione del ciclo della vita. Lo spettacolo si sviluppa tra questi due piani, in un dialogo continuo tra il reale e il simbolico. Intero 7€ / ridotto 5€. Capienza limitata. Prenotazioni info@parcfirenze.net Telefono 055351599

Al Teatro di Cestello (Piazza di Cestello 3 – Tel. 055-294609) sabato 27 e domenica 28 Festival di Cantiere Obraz: “Il respiro del Pubblico”. Dettagli su www.cantiereobraz.it

Al Teatro Puccini (via delle Cascine 41) domenica 28 alle 16.45 la Centrale dell’Arte presenta Aladino e la lampada magica, testo, regia e musiche Teo Paoli, con Lavinia Rosso, Silvia Baccianti e con Aura Calarco e Giulio Paoli in video, costumi Anna Primi, videografica Lavinia Rosso e Teo Paoli, movimenti scenici Alessandro Mazzoni; età consigliata dai 4 anni, durata 60 minuti. Posto unico numerato € 8,00 (esclusi diritti di prevendita); info e biglietti su www.teatropuccini.it

Caro Mondo, il programma di eventi 2021 di PIA | Palazzina Indiano Arte (Parco delle Cascine, vicino al Monumento all’Indiano), si chiude con incontri e presentazioni di libri in collaborazione con la libreria indipendente Tatatà. Sabato 27 incontro con Tiziano Fratus, in occasione della Giornata Nazionale dell’Albero e dell’uscita del suo libro Alberi Millenari d’Italia. Una passeggiata didattica per ragazzi dai 10 ai 14 anni alla scoperta degli alberi del Parco Monumentale delle Cascine. Domenica 28 viene presentata l’autobiografia di June Rose Yadana Bellamy, Le mie nove vite, edita da add editore, nell’ambito del River to River Florence Indian Film Festival. All’incontro saranno presenti Michele Bellamy Postiglione, figlio della principessa June Rose Yadana Bellamy e Selvaggia Velo, direttrice del River to River Florence Indian Film Festival. In occasione delle attività, è possibile visitare la mostra personale di Daniela De Lorenzo, dal titolo Al posto suo, al piano superiore della Palazzina. Per  l’iniziativa #ioleggoperchè sarà possibile donare libri alle scuole gemellate con Tatatà sabato 27 e domenica 28 in orario 10-13.

Per i concerti gratuiti di A.Gi.Mus. Firenze all’Auditorium Ottone Rosai (Via dell’Arcovata 4/6), in collaborazione con il Quartiere 5 del Comune di Firenze domenica 28 alle 11 Eleganze, Patrizia Cigna, soprano e Davide Burani, arpa. Musiche di Schubert, Hasselmans, Rossini. Patrizia Cigna, in carriera dal 1993, ha lavorato nel maggiori teatri (compreso il Maggio) collaborando con nomi come Gatti, Jurowsky, Koopman, Fasolis, Zedda, Bellugi, Sardelli, Oren, Mehta Ingresso libero.

Da sabato 20 a domenica 28 c’è il Festival dei Popoli al cinema La Compagnia, Stensen, Alfieri, Murate e altri luoghi della città. Il programma propone 80 documentari divisi in varie sezioni. Curioso il documentario in prima italiana “The Bubble” della regista Valerie Blankenbyl, evento di chiusura della 62/ma edizione del Festival dei Popoli, domenica 28 alle 18 al cinema La Compagnia di Firenze (ingresso 7 euro, 5 ridotto). La proiezione del film sarà seguita dalla cerimonia di premiazione, che avrà luogo alle 20. Il documentario è ambientato in Florida, al The Villages, la più grande comunità di ritiro al mondo, con oltre 150 mila residenti in un’area grande due volte Manhattan. I suoi abitanti, per lo più coppie di pensionati agiati e repubblicani, hanno deciso di vivere appieno gli ultimi anni di vita, togliendosi tutti gli sfizi e godendo di qualunque privilegio che un’esistenza di lavoro e sacrificio ora gli concede. Tra un campo di golf e un karaoke, una piscina e una sala da ballo, Valerie Blankenbyl filma il volto più irriducibile del sogno americano: non solo la possibilità di essere liberi e indipendenti fino all’ultimo ma anche, il desiderio di trascorrere il proprio tempo lontano dal frignare dei nipotini e da tutte le incombenze a essi legate. Programma completo su www.festivaldeipopoli.org

Dal 20 novembre al 19 dicembre torna il Mercato di Natale di piazza Santa Croce con più di cinquanta casette in legno per espositori che arrivano da tutta Europa, con prodotti di artigianato artistico e cibi tradizionali; tutti i giorni dalle 10 alle 22; ci sarà anche la casetta di Babbo Natale nella quale saranno organizzati giochi per bambini e un po’ di musica dal vivo; verrà venduto un cd di Natale il cui ricavato sarà donato all’Associazione Tumori Toscana Onlus. Da questa settimana c’è il mercatino natalizio con le casette di legno anche al Centro commerciale San Donato, a Novoli.

Nel centro storico di Empoli fino al 16 gennaio c’è La città del Natale, con mercati e attrazioni per grandi e piccini; restrizioni al traffico nei fine settimana.

Sabato 27 e domenica 28 all’auditorium Rogers di Scandicci XXII edizione del Festival Giapponese, organizzato dall’associazione Lailac. Una grande piazza orientale con spettacoli di danza, musica, dimostrazioni di arti marziali, esibizione di tamburi tradizionali taiko e workshop. Orario: 11-22. Biglietto di ingresso 2 euro, gratuito per i bambini fino ai 10 anni e per i soci Lailac 2021.

Al centro degli spettacoli, che si terranno dal 18 al 27 novembre al Teatro di Caldine di Fiesole (Circolo Arci di Caldine, via Faentina 183), una riflessione sul rapporto fra l’individuo e la comunità, che è forse da sempre al centro dell’idea stessa di teatro, e fra la sensibilità e l’interiorità del singolo e l’organizzazione sociale. La chiusura sabato 27 alle 17.30 è affidata al Teatrino Pellidò, che porta in scena “Cervelli di plastica”, lo spettacolo per bambini e adulti che rispecchia e che mira a far riflettere e sorridere sulle abitudini di spreco del nostro tempo, trasformando in un paradosso di burattini quella che purtroppo è verità. Il testo e l’animazione sono del burattinaio Vincenzo Di Maio. 5 euro; riservato ai soci ARCI; prenotazione obbligatoria su www.teatrosolare.it/soledinverno

Al Palazzo delle Esposizioni di Empoli (via Guido Guerra) sabato 27 e domenica 28 dalle 10 alle 20 c’è Empoli Vintage, con 40 Stand di abbigliamento e bigiotteria, collezionismo, dischi e cd e vari eventi; ingresso 4 euro.

Sabato 27 e domenica 28 novembre a Maliseti, in provincia di Prato, torna l’Esposizione Internazionale Felina «Un gatto per amico, organizzata sotto l’egida di ENFI – Ente Nazionale Felinotecnica Italiana. Un appuntamento imperdibile per grandi e piccini, finalmente in presenza, per ammirare e conoscere i gatti più belli, rari e particolari del pianeta. Nei due giorni molti gatti, appartenenti a decine di specie diverse, provenienti sia dall’Italia sia dall’estero, saranno in gara per il conseguimento dei vari titoli previsti nel Campionato Internazionale. Biglietti 7,50/5,50 euro, riduzioni per bambini di età compresa tra 6 e 12 anni, adulti over 70, militari, diversamente abili, ingresso libero per bambini fino 4 anni e diversamente abili non autosufficienti. Ingresso con Green Pass (In entrambi i giorni, dalle 8 alle 17, la cooperativa sociale Avvenire effettua tampone antigenico rapido con rilascio immediato di Green Pass per coloro che ne avessero necessità). Vietato portare animali.

Torna a Prato, nell’ultimo fine settimana di novembre, l’appuntamento con le attività di turismo industriale proposte da  TIPO (Turismo Industriale Prato), tra spettacoli, percorsi a piedi e visite nelle fabbriche e nei musei. Il progetto immersivo ed esperienziale porterà i visitatori ogni mese, fino a marzo 2022, alla scoperta del più grande distretto tessile europeo. Sabato 27, alle 20.30 è in programma la visita all’azienda Luilor, realtà di primo piano nel panorama mondiale per la produzione di tessuti naturali per l’arredamento contemporaneo, seguita, alle 21.15, dal concerto del compositore napoletano Joe Barbieri.

Dopo aver debuttato alla Biennale di Venezia 2020 e aver dovuto forzatamente interrompere la sua tournée a causa della pandemia, giunge ora al Teatro Fabbricone di Prato, da giovedì 25 a domenica 28 novembre, ABOUT LOLITA, uno spettacolo di Biancofango coprodotto da Teatro Metastasio di Prato / Fattore K (feriali 20.45, sabato 19.30, domenica 16.30). 18 euro; info www.metastasio.it

All’interno della rassegna MET^RAGAZZI, sabato 27 alle 17 al Teatro Metastasio va in scena IL PICCOLO RE DEI FIORI, uno spettacolo frutto dell’incontro tra due storiche strutture della danza e del teatro: il Balletto di Roma e Teatro Gioco Vita. Si tratta di un lavoro che prende i contorni di una fiaba per musica, ombre e danza espressamente disegnata per un pubblico di giovanissimi (dai 4 agli 8 anni) e che ha per tema la ricerca della felicità. Con il contrappunto di poche ma importanti parole, il racconto prende forma scenica grazie a un ricco tessuto musicale che accompagna e sostiene spettacolari immagini d’ombra, tratte dalle splendide illustrazioni di Květa Pacovská, e gesti espressivi di due danzatori-interpreti – Isabella Minosi e Marcello Giovani; info e prenotazioni: 0574 608501.

Dopo il successo di Zanna Bianca della natura selvaggia, lsul palco del Piccolo Teatro Mauro Bolognini di Pistoia arriva, nella rassegna “Piccolo Sipario” dell’Associazione Teatrale Pistoiese, domenica 28 alle 16 (fascia d’età: dai 2 ai 7 anni) la compagnia Giallo Mare Minimal Teatro con “Le avventure di Pesce Gaetano”, scritto e intepretato da Vania Pucci. Repliche per le scuole il 29 e 30 novembre (ore 10). Il lavoro è ispirato al libro per l’infanzia Il pesciolino nero di Samad Behrangi (1939-1967, tra i più significativi scrittori dell’Iran contemporaneo). Arricchito dai disegni di sabbia di Giulia Rubenni e dalle animazioni digitali di Ines Cattabriga. Ingresso 6 euro per le scuole, docenti omaggio (prenotazioni 0573 991607), 7 euro per le recite familiari. Biglietteria Teatro Manzoni Pistoia tel. 0573 991609 – 27112.

Al Teatro Comunale di Cavriglia sabato 27 alle 21 Bobo Rondelli in Cos’hai da guardare, con Claudio Laucci (piano), prolusione e disperato tentativo di intervista introduttiva a cura di Enzo Brogi; ingresso 10 €, prevendita e info: https://oooh.events 𝟬𝟱𝟱 𝟵𝟭𝟮𝟬𝟯6𝟯 whatsapp 𝟯𝟳𝟳 𝟰𝟰𝟵𝟰𝟯𝟲𝟬

Firenze è un set cinematografico a cielo aperto ed allora ecco l’idea di visitare la città ripercorrendo 20 scene tra le più divertenti di uno dei film più conosciuti ed amati di tutta la storia della commedia italiana come Amici Miei. Questo percorso di cineturismo vuole offrire ai fiorentini e ai turisti la possibilità di vivere le location che hanno fatto da sfondo a questa produzione cinematografica senza tempo con scorci più e meno noti del centro storico del capoluogo fiorentino da percorrere a piedi dal Piazzale Michelangelo fino al Bar Necchi, dalla casa del Perozzi fino a Santo Spirito, rivedendo anche grazie all’ausilio di Youtube le scene del film. Ogni domenica alle 10, una guida turistica accompagnerà i visitatori tra le vie e le piazze di Firenze, guidandoli in un racconto fresco e divertente che farà rivivere il film nei luoghi in cui Monicelli lo ha ambientato. Oltre alle coinvolgenti clip del film, i fans potranno ricevere informazioni sulla storia della città, che renderanno la passeggiata un’esperienza ancora più affascinante ed indimenticabile. Ritrovo Tour Abbazia di San Miniato al Monte 15 minuti prima. Durata 3 ore. Costo 10€ a persona (che comprende tour, guida turistica, bicchiere di vino de La Tognazza) Per Prenotazioni ed Informazioni cinema@supercazzola.it

Aperto al pubblico il Museo di Casa Siviero (Lungarno Serristori, 1/3, senza bisogno di prenotazione: sabato ore 10-18; domenica ore 10-13; lunedì ore 10-13; negli altri giorni solo piccoli gruppi su prenotazione).

Aperto il Museo della Fondazione Zeffirelli in Piazza San Firenze; ogni sabato mattina, alle 11 sarà possibile partecipare alla visita guidata gratuita a cura dello staff interno della Fondazione Zeffirelli. Prenotazioni 320 1637839. Intero: 12 € Ridotto over 65 anni e studenti sotto 18 anni: 8 € Disabile gratuito, accompagnatore 8 € Gratuito per i bambini sotto i 6 anni Biglietto famiglia: 20,00 € per genitori e figli sotto i 14 anni Kids kit: 4,00 €

Palazzo Strozzi dal 2 ottobre al 30 gennaio 2022 ospita una grande mostra dedicata a Jeff Koons, una delle figure più importanti e discusse dell’arte contemporanea a livello globale. A cura di Arturo Galansino e Joachim Pissarro, la mostra porta a Firenze una selezione delle più celebri opere. Sviluppata in stretto dialogo con l’artista, la mostra Jeff Koons. Shine ospita prestiti provenienti dalle più importanti collezioni e dai maggiori musei internazionali, proponendo come originale chiave di lettura dell’arte di Jeff Koons il concetto di “shine” (lucentezza) inteso come gioco di ambiguità tra splendore e bagliore, essere e apparire.

Palazzo Medici Riccardi (Via Camillo Cavour 3) fino al 26 gennaio si tiene la mostra Il Fiorentino. Il Gran Diamante di Toscana, curata da Carlo Francini e Valentina Zucchi e dedicata al meraviglioso gioiello del Granduca Cosimo II, scomparso misteriosamente all’inizio del XX secolo. La sua storia verrà narrata in mostra attraverso dipinti, disegni e documenti, ma a descriverlo in tutto il suo splendore sarà la fedelissima riproduzione in zirconia cubica realizzata dalla bottega orafa di Paolo Penko.

Alla Cattedrale dell’Immagine, parte del complesso di Santo Stefano al Ponte, mostra digitale immersiva Inside Dalí realizzata da Crossmedia Group con il supporto della Fondazione Gala Salvador Dalí, che fino al 16 gennaio 2022 punta a esplorare l’universo onirico immaginario di Salvador Dalí e a riscoprire la vita di quello che è stato uno dei maggiori pittori del XX secolo e la vera icona del surrealismo. Un’esperienza multisensoriale che si colloca tra immaginazione e realtà, ma anche un mix di tecnologie all’avanguardia, immagini, veri e propri artefatti, illusioni e allusioni, il tutto in simbiosi perfetta con l’universo unico dell’artista catalano. Ogni giorno avranno luogo le ininterrotte repliche della mostra immersiva, nel cui cuore si trova uno spazio multimediale a 360°, per una superficie di più di 400 m2, dove il visitatore è indotto ad attraversare il mondo del genio surrealista in una completa e “daliniana” immersione di oltre 35 minuti: un momento altamente emozionale che colpirà gli spettatori come niente prima d’ora.

All’Istituto degli Innocenti in  Piazza della SS. Annunziata fino al 31 gennaio c’è la mostra I Love Lego; esperienza imperdibile per i bambini, per le famiglie e per i tanti adulti che continuano a coltivare l’amore per i mattoncini più famosi del mondo; la mostra, non sponsorizzata direttamente da Lego, è stata realizzata dal più importante gruppo di collezionisti privati che abbiamo in Italia.

È stata un vero successo la mostra Il legno e la carne dello street artist e illustratore Simone Miletta, in arte Mìles, che nelle settimane scorse ha inaugurato il nuovo spazio espositivo ARTiglieria, in via Cittadella 4. Organizzata da Street Levels Gallery, la prima galleria fiorentina interamente dedicata all’arte urbana, in collaborazione con la casa editrice indipendente Contrabbandiera, la mostra ha visto una grandissima affluenza di pubblico, tanto che gli organizzatori hanno deciso di tenerla aperta ancora una settimana, fino al 5 dicembre 2021.

Per la rassegna 1321 – 2021. Nei dintorni di un Centenario, nella Pinacoteca della Certosa di Firenze c’è “… fresco smeraldo in l’ora che si fiacca. Suggestioni dalla Divina Commedia di Dante Alighieri”, mostra di tele e disegni di Ernesto Piccolo, calabrese di nascita, ma fiorentino d’adozione. Curata da Francesco Gurrieri, la mostra propone una cinquantina di opere – tra tele dipinte e disegni preparatori – e si configura come un omaggio pittorico alla figura del Sommo Poeta nel 700° anniversario della morte che vede protagonista un vero e proprio maestro del colore, così come nel titolo si fa riferimento ai versi 70-81 del settimo canto del Purgatorio. Visibile tutti i giorni (eccetto il lunedì e la domenica mattina) con orario 10-12 e 15-17 fino al 31 gennaio 2022, la mostra è arricchita da un catalogo curato da Alessandro Andreini ed edito da Feeria e Polistampa che, oltre alle fotografie di tutte le opere visibili nella Pinacoteca della Certosa, ospita i testi di Eugenio Giani, Carmelo Mezzasalma, Cristina Acidini, Francesco Gurrieri, Luigi Zangheri, Giorgio Bonsanti, Ugo Barlozzetti ed Enrico Sartoni. 055 2047729 www.certosadifirenze.it

Turandot e l’Oriente fantastico di Puccini, Chini e Caramba (Museo del Tessuto, Prato dal 22 maggio al 23 gennaio 2022) è il frutto di un lungo e accurato lavoro di ricerca compiuto dal Museo sullo straordinario ritrovamento di un nucleo di costumi e gioielli di scena risalenti alla prima assoluta della Turandot di Puccini e provenienti dal guardaroba privato del grande soprano pratese Iva Pacetti. Un’esposizione inedita, multidisciplinare, che nasce grazie alla collaborazione di enti e istituzioni pubblici e privati italiani di grande prestigio che a vario titolo hanno contribuito a questo ambizioso progetto: ricostruire le vicende che hanno portato il grande compositore toscano Giacomo Puccini a scegliere Galileo Chini per la realizzazione delle scenografie per la Turandot, andata in scena per la prima volta al Teatro alla Scala il 25 aprile 1926, diretta da Arturo Toscanini. Co-organizzatore della mostra è il Sistema Museale dell’Ateneo fiorentino nel cui Museo di Antropologia e Etnologia è conservata una collezione di oltre 600 cimeli orientali, riportati da Galileo Chini – grande interprete del Liberty italiano – al rientro dal suo viaggio in Siam nel 1913 e da lui personalmente donati nel 1950 al Museo fiorentino. A questi si aggiunge il contributo degli enti prestatori: l’Archivio Storico Ricordi, il Museo Teatrale alla Scala e l’Archivio Storico Documentale Teatro alla Scala, le Gallerie degli Uffizi – Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti, la Fondazione Giacomo Puccini di Lucca, la sartoria Devalle di Torino, l’Archivio Corbella di Milano, la Società Belle Arti di Viareggio e numerosi prestatori privati. Il percorso espositivo della mostra – che occupa circa 1.000 metri quadri complessivi – si apre nella Sala dei Tessuti Antichi con una selezione di circa 120 oggetti della collezione Chini, proveniente dal Museo di Antropologia e Etnologia di Firenze: tessuti, costumi e maschere teatrali, porcellane, strumenti musicali, sculture, armi e manufatti d’uso di produzione thailandese e cinese – suddivisi per ambiti tipologici all’interno di grandi teche espositive – che sono stati continua fonte di ispirazione per l’Artista e sono diventati soggetti di suoi numerosi dipinti. Al piano superiore sezione dedicata alle scenografie per la Turandot e al forte influsso che l’esperienza in Siam ebbe nell’evoluzione del percorso creativo e stilistico di Chini. La terza e ultima sala riunisce finalmente, dopo decenni di oblio, gli straordinari costumi della prima dell’opera. Infatti, accanto a quelli della protagonista di proprietà del Museo – su una grande pedana rialzata che la prima volta nella storia riunisce la straordinaria parata realizzata da Caramba nel 1926 – sono esposti anche 30 costumi straordinari provenienti dall’archivio della Sartoria Devalle di Torino, comprendenti i ruoli primari e comprimari – l’Imperatore, Calaf, Ping, Pong e Pang, il Mandarino – e i secondari – i Sacerdoti, le Ancelle, le Guardie, i personaggi del Popolo. Si tratta dei costumi originali realizzati per la stessa edizione dell’opera, anch’essi inizialmente scomparsi, ma poi rocambolescamente ricomparsi a metà degli anni Settanta ed entrati a far parte definitivamente di questo meraviglioso archivio storico privato.

Al PALP Palazzo Pretorio di Pontedera fino al 20 marzo 2022 sono esposte oltre 140 opere di Andy Warhol, raccontano la storia del più pungente interprete della società di massa, testimone variopinto delle icone del suo tempo. La mostra, organizzata in cinque sezioni, approfondisce i diversi aspetti di Andy Warhol. Il percorso espositivo permette di scoprire la vita di questo straordinario personaggio partendo dai suoi primi lavori fino a quelli della fine degli anni Ottanta. Info https://www.palp-pontedera.it

Dal 18 settembre al 19 dicembre 2021 sarà esposto ad ingresso gratuito nella chiesa di San Franceschetto a Lucca l’Angelo Annunciante proveniente dalla Pieve di San Gennaro in Lucchesia, uno dei manufatti artistici più raffinati ed enigmatici del territorio lucchese, nella mostra Se fosse un angelo di Leonardo… L’arcangelo Gabriele di San Gennaro in Lucchesia e il suo restauro, a cura di Ilaria Boncompagni, Oreste Ruggiero e Laura Speranza. La statua in terracotta dipinta, da alcuni attribuita ad un giovane Leonardo da Vinci, si fermerà a Lucca per la seconda tappa del suo percorso, che la riporterà poi nella Pieve di San Gennaro sulle colline lucchesi, sua secolare collocazione, anch’essa appositamente restaurata per l’occasione grazie ad un intervento della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

La fantasia al potere, insieme all’arte, alla poesia e al colore. Per l’eclettico artista Tano Pisano – siciliano di nascita, giramondo per vocazione e da alcuni anni versiliese d’adozione – si tratta ormai di una regola. Che stavolta andrà oltre ogni aspettativa. Meccano, la sua nuova esposizione temporanea a Pietrasanta (LU), è una grande e variegata mostra personale retrospettiva di opere d’arte realizzate dalla fine degli anni Sessanta fino ad oggi, la metà delle quali non è mai stata ammirata in Italia. Curata da Enrico Mattei, la mostra prosegue fino al 6 febbraio 2022.

Alla Manifattura Tabacchi, via delle Cascine 35 c’è Thinking Beyond – Moving Images for a Post-Pandemic World a cura di Leonardo Bigazzi, dal martedì alla domenica ore 15- 20, fino al 12 dicembre. Lunedì chiuso www.manifatturatabacchi.com 

La XIII edizione della Florence Biennale, mostra internazionale di arte contemporanea e di design, prosegue con un evento speciale che raggruppa le opere dei vincitori del Premio internazionale “Lorenzo il Magnifico” in uno spazio unico e prestigioso: l’Accademia delle Arti del Disegno. Tra la novità della XIII edizione della kermesse internazionale, conclusasi il 31 ottobre scorso, vi è infatti la “Mostra dei vincitori”, vera e propria parata delle opere che hanno vinto il primo premio assegnato da una Giuria internazionale nelle rispettive categorie, oltre all’opera premiata “dal pubblico” e quella del “miglior artista emergente”. La mostra sarà allestita negli spazi dell’Accademia delle arti del disegno – in via Orsanmichele 4 a Firenze – prosegue fino a sabato 4 dicembre 2021, sempre con ingresso libero.

Amici della Musica Firenze, Firenze, Firenze Marathon, mercatini di natale, Teatro della Pergola di Firenze, Teatro di Rifredi, Teatro Manzoni di Pistoia, Teatro Metastasio di Prato, Teatro Niccolini di Firenze, Toscana, week end

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741