Covid-19: sindaci chiedono a governo obbligo mascherine anche all’aperto

ROMA -I sindaci hanno chiesto al governo di valutare, l’ho fatto io in cabina di regia qualche giorno fa, l’opportunità di estendere l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto «dove ci può essere rischio di assembramento su tutto
il territorio nazionale dal 6 dicembre al 15 gennaio, che sono i giorni del Natale dove per lo shopping e per la voglia
giustamente di stare insieme e di fare comunità, nelle nostre città c’è maggiore possibilità di assembramento».

Lo ha detto il sindaco di Bari e presidente dell’Anci, Antonio Decaro, a margine della presentazione di una rassegna organizzata nei municipi della città per il periodo natalizio. «Noi abbiamo limitato gli eventi e non abbiamo proposto i concerti all’aperto dove con le persone in piedi non è possibile effettuare il contingentamento», ha ricordato il primo cittadino annunciando che «nelle prossime ore, nei prossimi giorni assieme al comitato per l’ordine pubblico, se sarà necessario, ci saranno dei provvedimenti come l’individuazione di alcune aree dove sarà necessario e opportuno utilizzare la mascherina all’aperto».
Sulla tradizione degli aperitivi della vigilia di Natale a Bari, Decaro ha sottolineato che se abbiamo cancellato i concerti dell’amministrazione comunale, non si potranno fare nei locali pubblici.
«A oggi la situazione è sotto controllo – ha continuato – godiamoci l’aperitivo con attenzione, godiamoci lo shopping, la possibilità di tornare a stare assieme ma cerchiamo solo di stare attenti”. Sui concertoni in piazza non ci sono per ora, particolari controindicazioni poi capiremo con la cabina di regia nazionale se ci saranno ulteriori provvedimenti», ha proseguito Decaro. «Godiamoci il Natale e la quotidianità – ha concluso – magari utilizzando la mascherina in modo da ridurre le possibilità di contagio».

Governo, Mascherine, sindaci


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080