Firenze, Maggio Musicale: vivo successo per «Fidelio» interpretato da Lise Davidsen

«Fidelio» (© Michele Monasta – Maggio Musicale Fiorentino)

Firenze – Ha debuttato con gran successo il Fidelio di Ludwig van Beethoven col Coro e l’Orchestra del Maggio diretti da Zubin Mehta; è la prima opera nel nuovo Auditorium del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, intitolato proprio al Maestro Mehta. Un trionfo soprattutto per Lise Davidsen, una magnifica Leonore che svetta sul cast non solo per una voce cui non manca nulla (piena e morbida nei centri, forte e sicura negli acuti, piena di armonici, gran volume, molta arte e visibile esperienza nel ruolo), ma anche per la statura fuori del comune unita a una certa vigorosa elasticità, doti che la rendono credibilissima nel ruolo en travesti; molto curata la recitazione anche del resto del cast, complessivamente molto buono; si segnalano il Rocco di Franz-Josef Selig e il Don Pizarro di Tomasz Konieczny, ma è ben calato nella parte, con un buon fraseggio (neanche lui è al debutto nel ruolo, e si sente), anche il tenore Klaus Florian Vogt (Florestan). Nell’Auditorium la buca per l’orchestra non è stata finita in tempo; così questa suona sul palco e i cantanti si muovono, coi costumi previsti per la messinscena completa e alcuni elementi evocativi dell’ambientazione, sul proscenio (la copertura della buca in costruzione), alle spalle di Mehta, per il quale si è rinunciato alla sedia girevole annunciata in conferenza stampa: espertissimi ed affiatati, ai cantanti bastano pochi cenni e procedono senza intoppi.

Repliche martedì 28 e giovedì 30 dicembre 2021 alle 20 e domenica 2 gennaio 2022 alle 15.30.

Auditorium del Maggio Musicale Fiorentino, Fidelio, Firenze, Lise Davidsen, Ludwig van Beethoven, opera lirica, zubin mehta

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080