Omicidio Cerciello: ridotta in appello la condanna all’ergastolo dei due giovani americani

Il Vice Brigadiere Mario Cerciello Rega, uccciso a Roma il 26 luglio del 2019 con undici coltellate

ROMA – La Corte d’Assise d’appello di Roma ha ridotto le pene per Finnegan Lee Elder e per Gabriel Natale Hjorth per l’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso con undici coltellate a Roma nel luglio del 2019. Per i giudici d’appello l’omicidio di un carabiniere non è punibile con l’ergastolo, a differenza di quanto avevano deciso i giudici di primo grado. Per Elder la condanna scende a 24 anni, mentre per Hjorth a 22 anni. Rosa Maria Esilio, vedova del vicebrigadiere assassinato, ha sottolineato come “il sacrificio di suo marito non deve essere dimenticato: un servitore dello Stato ucciso nel momento più felice della sua vita. Il dovere della memoria non è solo di noi familiari ma è di tutti”.

cancellato, Cerciello, ergastolo, omicidio


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080