Ucraina: contrattacchi esercito bloccano avanzata di Mosca a Est. Lanciate dai russi bombe a grappolo

EPA/ROMAN PILIPEY

KIEV – Le forze russe sembrano concentrare gli sforzi nel tentativo di accerchiare le truppe ucraine davanti alle regioni separatiste nell’est del Paese, “avanzando” dalla direzione di Kharkiv, nel nord, e Mariupol, nel sud. Lo segnala il ministero della Difesa britannico nel periodico aggiornamento di intelligence secondo
cui nel nord dell’Ucraina la situazione sul campo di battaglia resta “prevalentemente” di stasi e “contrattacchi locali ucraini che ostacolano i tentativi dei russi di riorganizzare le forze”.

Le truppe russe hanno usato bombe a grappolo in una zona residenziale di Krasnohorivka, nella regione di Donetsk: lo ha reso noto il ministero dell’Interno su Telegram, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa ucraina Unian. “Il nemico ha sparato dai lanciarazzi multipli Tornado-C nel settore residenziale di Krasnohorivka. Le truppe russe hanno usato munizioni a grappolo vietate. Le munizioni sono cadute
nelle strade del settore privato”, si legge nella nota.

Due corridoi umanitari nelle regioni di Donetsk e Lugansk sono stati concordati per oggi (27 marzo).
Lo ha reso noto la ministra per la reintegrazione dei territori occupati dell’Ucraina Iryna Vereshchuk durante un briefing citato da Ukrainian Pravda. “Ad oggi sono stati concordati due corridoi umanitari per le regioni di Donetsk e Lugansk: dalla citta’ di Mariupol alla città di Zaporizhia con mezzi propri. Mentre è stata concordata l’evacuazione centralizzata in autobus da Berdyansk a Zaporizhia”, ha affermato la ministra aggiungendo che 15 autobus sono in partenza da Zaporizhia su questo tragitto.

avanzata, blocco, esercito, russi, ucraino


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080