Rovereto: consigliera dem diffama Salvini, condannata a risarcirlo

ANSA/CLAUDIO MARTINELLI

ROMA – Ulteriore conferma di come talvolta le pronunce dei giudici di merito nei gradi inferiori di giudizio vengano radicalmente ribaltate dalla Cassazione. Accolto dalla Cassazione, ai fini del risarcimento da stabilire in sede civile, il ricorso del leader della Lega Matteo Salvini contro una ex consigliere comunale dem del Comune di Rovereto, Paola Mirandola, denunciata dall’ex ministro per aver detto durante il consiglio comunale del 2 marzo 2015: ‘Salvini in galera, un mascalzone, un delinquente abituale per tendenza’, reagendo così a un consigliere leghista che indossava la maglietta ‘Renzi a casa’. Il Tribunale di Rovereto lo aveva assolto ritenendo le frasi ingiuriose ma giustificate dal contesto politico. Per gli ‘ermellini’ invece hanno connotati “infamanti”. 

consigliera, dem, risarcimento, Salvini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080