I sospetti Usa

Seul: Biden – Yoon, alleanza contro la Corea del nord e economia al centro dell’incontro

. EPA/YONHAP

SEUL – La cooperazione nucleare e la minaccia della Corea del Nord, i rischi sulla sicurezza regionale e sulle catene di approvvigionamento, il rafforzamento dei legami economici sono tra i temi principali in agenda del summit tra il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol e quello americano Joe Biden, che si tiene presso la nuova sede presidenziale scelta da Yoon a Yongsan, nel centro di Seul, invece della tradizionale Blue House.
Il programma prevede prima un faccia a faccia secondo un formato ristretto nell’ufficio di Yoon al quinto piano e poi uno più allargato, al quale seguira’ una conferenza stampa congiunta.
Le indiscrezioni emerse negli ultimi giorni, oltre al rafforzamento ad ampio spettro della cooperazione bilaterale, hanno indicato che sul capitolo nordcoreano ci sarebbe la volontà delle parti di rilanciare l’azione diplomatica con Pyongyang, visto lo stallo negoziale sul nucleare, anche con aiuti da fornire insieme ad altri Paesi della regione per combattere situazione “piuttosto grave” della pandemia di
Covid-19 nello Stato eremita.

Come nella tradizione Usa, il governo americano attacca preventivamente il nemico (lo ha già fatto con Putin) prima che ci sia qualche atto ostile, e infatti il Consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan, in un briefing alla Casa Bianca ha affermato nuovamente che “La Corea del Nord potrebbe fare un altro test missilistico o nucleare entrambi prima o dopo la visita di Biden nella regione”.

“Non sarebbe anomalo per la Corea del Nord lanciare un missile o condurre un test nucleare a un certo punto nel breve periodo, poiché sono stati rilevati segnali relativi a tali provocazioni e Pyongyang ha quasi completato i suoi preparativi”, ha detto il deputato democratico Kim Byung-kee, citato dalla Yonhap. Appena ieri, Kim Tae-hyo, numero due dell’Ufficio di sicurezza nazionale del presidente Yoon Suk-yeol, aveva spiegato ai media in un briefing dedicato all’arrivo di Biden che la possibilità di un test nucleare entro il weekend era “relativamente bassa, ma i preparativi di un lancio di missile balistico intercontinentale sembrano essere imminenti”.

Biden, Corea Sud, vertice


Ezzelino da Montepulico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080