Giornalista di Toscana Tv molestata: Procura chiede il rinvio a giudizio per il tifoso

Greta Beccaglia

FIRENZE – La Procura di Firenze ha chiuso le indagini e chiesto il rinvio a giudizio, con l’accusa di violenza sessuale, per un ristoratore marchigiano, e tifoso viola, che molestò la cronista Greta Beccaglia durante la diretta tv dall’esterno dello stadio di Empoli, il 27 novembre 2021 al termine Empoli-Fiorentina. Per la Procura, che ha chiuso le indagini, quella di Serrani non fu una semplice bravata e per questo ne ha chiesto il rinvio a giudizio.

La cronista, 27 anni, assistita dall’avvocato Leonardo Masi, che aveva denunciato quel gesto, si costituirà parte civile nell’eventuale processo. Resta indagato, al momento, un altro tifoso, toscano, 45 anni, che, sempre quella sera avrebbe importunato verbalmente la giornalista, sarebbe stato identificato grazie alle telecamere interne dello stadio e per lui è già scattato il Daspo: non potrà entrare allo stadio per la durata di due anni.

Gli investigatori della Digos, incrociando il video della molestia con i filmati delle telecamere di sorveglianza dello stadio e dei tornelli, riuscirono a individuare Serrani. “Avevamo perso e ho fatto quel gesto per stizza e per goliardia. Non è un atto di sessismo”, si giustificò il ristoratore. Poi anche per lui, il questore firmò un Daspo. Ora rischia il processo. L’Associazione Stampa Toscana, che già a suo tempo, si schierò al fianco della collega, esprimendo piena solidarietà, continuerà a seguire la vicenda offrendo a Greta Beccaglia il necessario sostegno.

Greta Beccaglia, molestata, Toscana Tv


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080