Da domenica 24 a martedì 26

Musart Festival Firenze: gran finale con Steve Hackett e il concerto all’alba di Dado Moroni

Steve Hackett (foto Musart 2019)

FIRENZE – Dai Genesis Revisited di Steve Hackett al concerto all’alba di Dado Moroni, dallo storytelling musicale di Federico Sacchi al live di Riccardo Mori, ai documentari musicali di 33 Giri Italian Masters: sei appuntamenti in 48 ore per la chiusura del Musart Festival di Firenze. In ordine cronologico:
Wonderful visions e Africa is a state of mind sono gli spettacoli che il musicteller Federico Sacchi propone, rispettivamente, domenica 24 e lunedì 25 luglio (ore 21,30) al Chiostro di Levante dell’Università di Firenze (via degli Alfani, 37 – Firenze): il primo ripercorre l’adolescenza, l’ascesa e l’impegno civile di Stevie Wonder; il secondo traccia la genesi di tre dischi di Talking Heads, Jorge Ben e The Congos legati a doppio a filo alla cultura africana. Domenica 24 (ore 21) Riccardo Mori (già chitarrista di Vasco Rossi) sarà in concerto al Teatro Romano di Fiesole con un’originale rivisitazione di classici della musica italiana e non solo.

Sempre domenica 24 dalle 20,15 al Cinema La Compagnia (via Cavour 50r) quattro documentari della serie 33 Giri Italian Masters di Sky Arte dedicati ai migliori album della musica italiana: La voce del padrone e L’imboscata di Franco Battiato, Il sole nella pioggia di Alice e Salvadanaio del Banco del Mutuo Soccorso; trasmissioni che intervistano i musicisti all’interno degli studi dove i dischi sono stati registrati, sviscerando i masters originali che rivelano non pochi segreti, con accompagnamento di gustosi aneddoti. Introduce Benedetto Ferrara, giornalista, autore e dj. Ingresso libero con prenotazione gratuita sul sito https://bit.ly/33GIMasters.

Per i fan dei Genesis, imperdibile l’appuntamento con Steve Hackett, lunedì 25 luglio sul palco principale di piazza Santissima Annunziata (ore 21,15). Il leggendario chitarrista approda nell’ambito di Seconds out + more, tour che vede in primo piano Seconds Out, tra i maggiori successi discografici dei Genesis.
Lo spettacolo include brani da ognuno dei sei album in studio di Hackett durante il periodo dei Genesis e segna il suo ultimo lavoro con la band, che lasciò subito dopo per intraprendere la sua carriera da solista. Oltre a Seconds Out, Steve esegue parte del repertorio da solista.  Al suo fianco musicisti d’eccezione: alle tastiere Roger King (Gary Moore, The Mute Gods); alla batteria Craig Blundell (Steven Wilson); al sax Rob Townsend (Bill Bruford); al basso e chitarra Jonas Reingold (The Flower Kings); alla voce Nad Sylvan (Agents of Mercy). Posti numerati da 30 a 60 euro; biglietti sul sito ufficiale www.musartfestival.it (info tel. 055.667566), su www.ticketone.it e nei punti vendita di Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita tel. 055.210804). Prevista anche la formula Gold Package comprendente biglietto di primo settore, catering con buffet, visita guidata ai luoghi d’arte legati al progetto Musart.

Musart si chiude col concerto all’alba di Dado Moroni, martedì 26 luglio alle ore 4,45 nel Cortile degli Uomini dell’Istituto degli Innocenti (piazza SS Annunziata). Pianista e compositore jazz di fama mondiale, Moroni presenta un live in cui ripercorre i diversi linguaggi del jazz, in costante interazione col pubblico: un racconto in musica di aneddoti ascoltati direttamente dalla voce di musicisti quali Dizzy Gillespie, Henry Edison, Buddy Tate…

Martedì 26 luglio è anche l’ultimo giorno per visitare la mostra fotografica “Because the night” dedicata ai grandi concerti degli ultimi 12 anni a Firenze (Springsteen, Madonna e Cremonini allo stadio Franchi. Jovanotti, Vasco, Morricone e gli Spandau Ballet al Mandela Forum…). Tutti gli scatti sono a firma di Marco Borrelli. La mostra è in programma all’Ex Tipografia dell’Istituto Geografico Militare di Firenze (via Cesare Battisti 12, adiacente a piazza Santissima Annunziata). Ingresso gratuito, orario 10/19. Per gli spettatori degli spettacoli serali, la mostra è aperta dalle 20 alle 21 con ingresso libero e riservato.
 
VISITE A LUOGHI D’ARTE – Prima del concerto di Steve Hackett – dalle ore 20 alle 21,15 – si potranno visitare gratuitamente giardini, luoghi di culto e palazzi monumentali adiacenti a piazza della Santissima Annunziata. Tra questi la Chiesa di S. Francesco Poverino, il Giardino del Museo Archeologico, il Museo dell’Istituto Geografico Militare, la Basilica di SS. Annunziata, la Mensa della Caritas Diocesana di S. Francesco ed i Cortili Monumentali dell’Istituto degli Innocenti.

MOSTRA BECAUSE THE NIGHT –
I rivivono nell’edizione 2022 della mostra fotografica “Because the night”. Tutti gli scatti sono a firma di Marco Borrelli. La mostra è in programma fino al 26 luglio all’Ex Tipografia dell’Istituto Geografico Militare di Firenze (via Cesare Battisti 12, adiacente a piazza Santissima Annunziata). Si può visitare la mostra tutti i giorni, dalle ore 10 alle 19, ingresso libero. Per gli spettatori degli spettacoli serali di Musart Festival, la mostra è aperta dalle 20 alle 21 con ingresso libero e riservato.

Programma, informazioni e aggiornamenti sul sito ufficiale www.musartfestival.it e sulla pagina Facebook del festival @MusArtFestival.

concerto, hackett, Musart

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080