Emaeginati ex renziani

Elezioni, Pd: dopo le esclusioni eccellenti dalle liste sale la protesta contro Letta

La senatrtice Monica Cirinnà

ROMA – Nelle ore dell’approvazione delle liste per le prossime elezioni politiche, nel Pd non sono mancate le polemiche per alcune scelte messe nero su bianco dalla direzione nazionale del partito.

Dopo essere stato escluso dalle liste, l’ex presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, ha scritto su Twitter: «Un delitto perfetto! Calpestati diritti, principi, territorio, storia e democrazia! Nella vita ci vuole dignità! Buona fortuna».

La senatrice Monica Cirinnà, uscendo dalla direzione del partito, ha detto: «La mia avventura parlamentare finisce qui, domani comunicherò la mia non accettazione della candidatura». «Mi hanno proposto un collegio elettorale perdente in due sondaggi, sono territori inidonei ai miei temi e con un forte radicamento della destra», ha aggiunto Cirinnà. «Evidentemente per il Pd si può andare in Parlamento senza di me, è una scelta legittima. Resto nel partito, sono una donna di sinistra ma per fortuna ho altri lavori».

Tra i big esclusi dalle liste, anche l’ex ministro Luca Lotti. Gli esponenti della sua corrente, Base riformista, non hanno partecipato al voto sulla definizione delle liste. Lotti ha commentato: «Il segretario del mio partito ha deciso di escludermi dalle liste per le prossime elezioni politiche. Mi ha comunicato la sua scelta spiegando che ci sono nomi di calibro superiore al mio. Confesso di non avere ben capito se si riferiva a quelli che fino a pochi mesi fa sputavano veleno contro il Pd e che oggi si ritrovano quasi per magia un posto sicuro nelle nostre liste. Non lo so. Ma così è». «Dispiace, e non poco, scoprire che i dirigenti del mio partito abbiano abbandonato uno dei cardini della nostra identità: il garantismo», ha aggiunto Lotti. «La scelta è politica, non si nasconda nessuno dietro a scuse vigliacche».

“E’ stata una lunga notte e finalmente sono state decise le liste dei candidati del Partito democratico per le prossime elezioni politiche. Ho saputo quale fosse la mia posizione in lista solo al momento della lettura da parte di Marco Meloni dell’elenco dei candidati” e, chiarisce Alessia Morani, non e’ stata
per lei una collocazione gradita.
“Nei posti eleggibili per le Marche – segnala infatti la deputata dem, sottosegretaria al Mise nel Conte II, ma anche volto notissimo al pubblico dei talk tv – sono stati designati Alberto Losacco, commissario del Pd Marche, Irene Manzi e Augusto Curti”. “A mia insaputa, il mio partito ha deciso di assegnarmi il collegio uninominale di Pesaro e un terzo posto nel proporzionale”, osserva ancora Morani. “Ho comunicato al mio partito che non intendo accettare queste candidature. Avro’ modo in seguito di
spiegare le motivazioni che mi hanno convinta della bonta’ di questa scelta”

Andrea Marcucci, già capogruppo del Pd al Senato, sarà in corsa sempre per palazzo Madama, nel collegio di Livorno e non di Lucca.

Cirinnà, esclusione, Lotti, pd, Pittella


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080