Come provvedere

Apple: rischio sicurezza per Iphone e Ipad, necessario aggiornamento dispositivi

ROMA – Rischio sicurezza per i dispositivi più moderni della Apple, che sia un iPhone, un iPad o un Mac. Apple ha reso noto di aver rilasciato un aggiornamento del sistema operativo per risolvere una falla scoperta nella sicurezza dei dispositivi che li renderebbe vulnerabili ad attacchi hacker.
Secondo l’azienda di Cupertino un numero molto ampio di suoi dispositivi presenterebbe un problema di sicurezza decisamente serio tant’è che un malintenzionato potrebbe prendere il controllo completo del dispositivo. Apple ha comunicato che questa possibilità potrebbe essere già stata sfruttata dagli hacker e per questo ha invitato i propri clienti ad aggiornare al più presto i dispositivi.
Il nuovo aggiornamento dovrebbe risolvere il problema. Vediamo quali sono i dispositivi interessati e cosa bisogna fare per aggiornarli.
L’azienda americana ha reso noto sul proprio sito che i dispositivi vulnerabili sono quelli più moderni e quindi gli iPhone a partire dai 6s in poi, tutti gli iPad pro, nonché gli iPad di quinta generazione e successivi e i Mac con macOS Monterey. Il problema riguarderebbe anche alcuni modelli di iPod ma qui i rischi sarebbero più limitati.
Secondo Apple se non avete già aggiornato i dispositivi c’è un serio rischio che un software possa utilizzare un codice arbitrario con accesso non autorizzato al dispositivo. In particolare le versioni degli aggiornamenti sono:
iOS 15.6.1 per iPhone;
iPadOS 15.6.1 per iPad;
MacOS Monterey 12.5.1 per i computer Mac.
Per aggiornare basterà andare in preferenze di sistema e poi cliccare su aggiornamento software. A quel punto scaricare e installare la nuova versione.

aggiornamento, Apple, kacker


Ezzelino da Montepulico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080