Il nuovo progetto

Nuovo Dl aiuti: sarà di 12 miliardi, ma il governo deve trovare le risorse

Mario Draghi (L) Daniele Franco (R) ANSA/Roberto Monaldo / POOL

ROMA – Tra Palazzo Chigi e il Mef i tecnici lavorano senza tregua alla ricognizione delle risorse del nuovo
decreto aiuti. E’ questo il vero nodo del provvedimento che arrivera’ in due round: nel pomeriggio il Cdm esaminera’ l’ammontare dei fondi per arginare il caro energia.

Sarebbe stato individuato un extragettito fiscale Ma solo dopo che il Parlamento avra’ autorizzato l’uso delle maggiori entrate per gli aiuti (con ogni probabilita’ la prossima settimana), potra’ essere varato il decreto. Per ora la dote possibile resta fissata a 10 miliardi ma con il nuovo “tesoretto fiscale” dovrebbe salire fino a 13. Nessuno scostamento in deficit, precisano fonti di Palazzo Chigi: la revisione dei saldi di finanza pubblica si fa con le risorse esistenti.

Intanto, e’ caos al Senato sul dl aiuti bis: la maggioranza – con i partiti in piena campagna elettorale –
non trova l’intesa sugli emendamenti e la seduta dell’Aula slitta alla prossima settimana. Un atteggiamento che irrita i piani alti del governo: “Cosi’ si rischia di bloccare gli aiuti a famiglie e imprese”.

Sempre nel pomeriggio, alle 15, approdera’ in Consiglio dei ministri la relazione al Parlamento che certifica le entrate aggiuntive dello Stato che costituiscono una parte della dote complessiva che servira’ per il decreto (come l’Iva di luglio e agosto e gli extraprofitti). Si tratta di qualche miliardo, come filtra dagli addetti ai lavori, a cui vanno aggiunti i fondi non spesi e gli anticipi di spesa.

Le misure in cantiere vanno dalla proroga per l’ultimo trimestre dei crediti di imposta (stimata in 4 miliardi, 5 se verranno rafforzati) agli aiuti alle pmi in crisi di liquidita’, dagli sconti fiscali alle quote di energia da rinnovabili riservati a settori industriali cruciali. Si lavora anche al rafforzamento del bonus sociale per le famiglie a basso reddito e ai prezzi ‘calmierati’ del gas per le aziende energivore che
l’acquistano tramite il Gse (con contratti di lungo periodo).Non e’ sfumata completamente la Cig scontata per due mesi per le realta’ piu’ in difficolta’, mentre la rateizzazione delle bollette nelle ultime ore ha perso, significativamente, quotazioni.

Su un binario parallelo viaggia il decreto aiuti bis al Senato, dove la maggioranza, alle prese con gli emendamenti, non riesce a sciogliere i nodi del superbonus, dello smart working e del docente esperto. Saltata l’ipotesi del ritiro degli emendamenti per scongiurare la decadenza del provvedimento (vi si oppongono M5s e Ac), si provera’ a concedere ai gruppi una o due proposte di modifica ciascuno. Il riavvio concitato delle attivita’ parlamentari vede anche il ritorno in scena del ministro dei rapporti con il Parlamento, Federico D’Inca’, che cerca di sbloccare l’impasse e convoca i capigruppo.

Ma il risultato resta il rinvio alla prossima settimana. C’e’ chi ipotizza che il decreto venga mandato a ‘morire’, chi promette che verra’ approvato ‘costi quel che costi’: sta di fatto che le tensioni della campagna elettorale si riverberano inevitabilmente sull’iter legislativo. E un governo per gli affari correnti non puo’ porre la fiducia.

Da come andra’ a finire la partita sul dl aiuti bis, dipendera’ anche cosa entrera’ nel ter – si ragiona in ambienti parlamentari -, che e’ ancora tutto da costruire e che, a questo punto potrebbe inglobare alcune misure, come la proroga dello smart working per i fragili o le delocalizzazioni. La strada,
pero’, e’ ricca di ostacoli, perche’ – si spiega – a quel punto diventerebbe un decreto ‘omnibus’, un atto piu’ politico, che necessiterebbe del via libera del Colle.

Nel nuovo decreto potrebbe entrare anche una limatura della norma sulla tassazione degli extraprofitti, per renderla meglio applicabile. Se al 30 giugno era entrato circa un miliardo dalle compagnie energetiche, questa volta c’e’ chi ipotizza l’arrivo di altri 500 milioni dalla tranche di fine agosto (cifra su cui il Mef non si pronuncia), in attesa della scadenza del saldo fissata al 15 dicembre.

Dl aiuti, draghi, Governo, parlamento, progetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080