Skip to main content

Putin: “Le sanzioni hanno effetti negativi sulla Russia”. E Peskov accusa: “L’Occidente ha scatenato la guerra”

Vladimir Putin (Foto d’archivio”

MOSCA – Il presidente russo, Vladimir Putin, ammette che le sanzioni possono avere “un effetto negativo” sull’economia russa, quindi è necessario “lavorare sulla domanda interna”.  Mentre il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, intervistato da Intersfax, ribalta i ruoli fra aggredito e aggressore e accusa altri, segnatamente l’Occidente, di aver scatenato la guerra contro la Russia.

“Questa guerra ibrida che hanno scatenato contro il nostro Paese durerà per lungo tempo. E qui – ha aggiunto Peskov – abbiamo bisogno di fermezza, fiducia, concentrazione e unità attorno al presidente”. “Continueremo a difendere gli interessi dei nostri atleti in ogni modo possibile”, ha anche detto Peskov. “Continueremo i contatti con il Comitato olimpico internazionale proprio per proteggere gli interessi dei nostri atleti”, ha aggiunto il portavoce, citato dalla Tass.

Il vice ministro degli Esteri russo Serghei Ryabkov ha deriso oggi l’annuncio degli Usa che intendono sostenere l’idea di creare un tribunale speciale per perseguire la Russia per il “crimine di aggressione”, un’idea promossa dalla Ue. “Si sono gingillati con questa tsatskaya per lungo tempo”, ha affermato Ryabkov, usando una parola russa che significa ‘giocattolo’ o ‘ninnolo’.

“Lasciamo che si divertano”, ha aggiunto Ryabkov, citato dall’agenzia Ria Novosti. I piani russi per dispiegare armi nucleari tattiche in Bielorussia devono “indurre la Nato a valutare la gravità della situazione attuale”, ha anche detto Ryabkov citato da Interfax. Secondo Ryabkov, inoltre, gli Usa “non hanno il diritto di rifiutare di fornire alla Russia ogni sei mesi i dati previsti dal trattato New Start sulla limitazione della armi nucleari”. E aggiunge che, per rifiutare, Washington dovrebbe sospendere la sua partecipazione o uscire dal trattato.

Ieri fonti americane citate dal Wall Street Journal avevano detto che gli Usa intendevano interrompere lo scambio di dati in risposta alla decisione di Mosca di sospendere la partecipazione al New Start.

Tutti gli obiettivi dichiarati dell’operazione militare speciale saranno raggiunti “nonostante l’aumento dell’assistenza militare all’Ucraina da parte dell’Occidente”: lo ha dichiarato il segretario del Consiglio di Sicurezza russo, Nikolay Patrushev, durante un incontro con i suoi omologhi dei Paesi membri dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai a Nuova Delhi. “Porteremo a termine la smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina e garantiremo l’integrità territoriale della Russia e la sicurezza della nostra popolazione”, ha dichiarato Patrushev, come riporta la Tass.

Peskov, putin, Russia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741