Skip to main content

Tassa di soggiorno a Firenze: Confesercenti e Confcommercio ricorrono al Tar contro l’aumento

Firenze, veduta aerea della città dall’elicottero della Polizia, nella foto il ponte Vecchio, Palazzo Vecchio (Foto messa a disposizione di Firenze Post da Massimo Sestini)

FIRENZE – L’aumento dell’imposta della tassa di soggiorno, a Firenze, è stata impugnata davanti al Tar da Assohotel Confesercenti e Federalberghi Confocommercio. Che in una nota congiunta scrivono: “Federalberghi Firenze e Assohotel Confesercenti Firenze, con il sostegno di una buona rappresentanza di
imprese ricettive, hanno presentato ricorso al Tar della Toscana contro l’aumento dell’imposta di soggiorno decisa dal Comune di Firenze ed entrata in vigore dal 1 aprile scorso.

“Si tratta di un atto per noi dovuto – spiegano i due presidenti Francesco Bechi e Monica Rocchini – perché siamo di fronte a una misura che, nella sostanza, non rispetta i criteri di progressività e di proporzionalità previsti dalla legge del 2011. Inoltre, contestiamo la mancanza di tempestività della sua applicazione poiché l’aumento è di fatto entrato in vigore da subito, incidendo sulle prenotazioni già effettuate. Senza prendere in esame possibili criteri che potevano renderlo almeno più equo come la zonizzazione e la stagionalità”.

“Criteri – prosegue la nota – che abbiamo chiesto di prendere in considerazione senza che ci sia stata data risposta. Abbiamo infatti provato a dialogare con gli assessori per portare proposte più eque che già ci sono in altri comuni e che prevedono la proporzionalità dell’imposta legata al costo della camera, equa perché tiene in considerazione la stagionalità e la zona dove è ubicata la struttura ricettiva. E di fronte a tutti i no che abbiamo ricevuto, l’unica via è stata quella del ricorso”.

“Le imprese del comparto alberghiero – conclude il comunicato – non possono condividere una simile imposizione e applicazione, soprattutto adesso che Firenze è la città con l’imposta di soggiorno più alta d’Italia e tra le più care d’Europa, in virtù di aver subito approfittato, unico Comune, dell’approvazione dell’articolo 787 della legge di bilancio che dà facoltà ai Comuni di procedere in base ai dati Istat sulle presenze turistiche qualora superino di venti volte il numero dei residenti”.

ASSOHOTEL

Confcommercio, confesercenti, Firenze, ricorso al Tar, tassa di soggiorno


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741